Cattiva condotta intenzionale nella campagna vaccinale: We The People 50 chiede il ritiro dei vaccini Covid

Un numero crescente di gruppi in tutto il mondo, guidati da medici, organizzazioni mediche e attivisti, chiedono la fine delle campagne di vaccino contro il Covid-19, citando contaminazione, lesioni e mancanza di consenso informato.

Le persone si stanno rendendo conto del fatto che sono state ingannate e stanno iniziando a chiedere risposte ai loro funzionari eletti e alle agenzie di sicurezza e regolamentazione a cui avevano fiducia per la salute dei loro figli, ma che hanno mentito loro“, ha detto Janci Lindsay. , Ph.D., direttore di tossicologia e biologia molecolare per i servizi di supporto tossicologico e co-fondatore della campagna We The People 50 – Recall The Shots.

Bradford Geyer, un avvocato della FormerFedsGroup Freedom Foundation, che ha lanciato l’iniziativa We The People 50, ha dichiarato a The Defender che la risposta all’iniziativa è stata di supporto.

“Il nostro movimento è chiaramente in crescita, man mano che gli americani e i cittadini di altre nazioni si rendono conto di ciò che i governi e Big Pharma hanno fatto loro”.

I vaccini contro il Covid “devono essere fermati per il bene dell’umanità”

Negli Stati Uniti, l’iniziativa We The People 50 chiede “il ritiro dei” vaccini “genetici COVID-19 a causa del gran numero di morti, disabilità e danni irragionevoli che rappresentano”.

L’iniziativa è composta da medici, scienziati, avvocati, sostenitori, autori, ricercatori, vittime e cittadini preoccupati, secondo Lindsay, che ha affermato che la missione del gruppo è salvare vite umane e proteggere i gruppi più vulnerabili da questi pericolosi vaccini genetici.

“Stiamo potenzialmente contaminando l’intero pool genetico umano con queste tecnologie sconsiderate, con una supervisione quasi pari a zero sulle loro conseguenze per gli esseri umani, gli animali e l’ambiente”, ha affermato Lindsay. “Deve essere fermato per il bene dell’umanità”.

La campagna è stata ispirata dal dottor John Witcher, un medico del Mississippi che ha sostenuto il ritiro dei vaccini COVID-19 nel suo stato. Witcher, un ex candidato governatore del Mississippi, ha detto a The Defender che i suoi sforzi sono iniziati nel settembre 2021, quando ha lanciato Mississippi Against Mandates.

Inizialmente, il movimento ha organizzato proteste, manifestazioni e una campagna di sensibilizzazione pubblica, opponendosi all’obbligo dei vaccini. “Il nostro obiettivo principale era fermare i mandati ed essere cauti nei confronti dei colpi”, ha detto Witcher.

Secondo Witcher, un punto di svolta è arrivato alla fine di ottobre 2021, quando il dottor Peter McCullough è intervenuto a una tavola rotonda organizzata dal gruppo del Mississippi, durante la quale ha affermato che i vaccini COVID-19 non erano sicuri per gli esseri umani.

Successivamente, ha detto Witcher, il gruppo “si è rivoltato non solo contro i mandati ma anche contro i vaccini”.

A febbraio, quello che in precedenza era un impegno a livello statale è diventato un’iniziativa nazionale, a seguito di un incontro al Campidoglio del Mississippi in cui hanno parlato McCullough e altri medici, oltre a diverse persone danneggiate dal vaccino e i loro familiari.

La campagna We The People 50 è nata dall’evento di febbraio, ha detto Witcher.

Lindsay ha affermato che, sulla base degli sforzi di Witcher, si è messa in contatto con Carolyn Blakeman, direttrice dei media e coordinatrice della task force dell’ExFedsGroup, per lanciare la campagna a livello nazionale, cercando di “adottare questa strategia di portare un piccolo gruppo di esperti a testimoniare da tutte le discipline sanitarie, come così come i feriti da vaccino, in tutti i 50 stati.

Recenti ricerche hanno rivelato che una percentuale significativa dei vaccini mRNA per il COVID-19 è contaminata da DNA e contaminanti batterici che possono alterare il genoma umano e innescare il cancro e altre condizioni gravi. Il mese scorso, Health Canada ha riconosciuto la presenza di tale contaminazione nei vaccini COVID-19.

“Ci siamo incontrati con legislatori statali e avvocati statali e abbiamo parlato in numerose riunioni dei commissari di contea”, ha detto Lindsay. “[Abbiamo] contribuito a redigere leggi sulla sicurezza genetica dei vaccini, sul consenso informato, sull’autonomia medica, sul diritto a mantenere l’integrità del genoma, sul diritto di essere liberi da trasfezioni non consensuali (spargimento) e sul diritto di negare trattamenti medici coercitivi o forzati”.

Secondo Lindsay, il gruppo “prevede di sfruttare” le leggi sulla protezione dei prodotti di consumo in diversi stati “per ottenere risultati positivi apertamente, o almeno, per costringere gli Stati a fornire un vero consenso informato”.

L’iniziativa mette anche in discussione l’immunità legale dei produttori di vaccini ai sensi della legge PREP (Public Readiness and Emergency Preparedness), sulla base delle leggi statali sulla protezione dei consumatori e delle leggi sulla cattiva condotta intenzionale.

Geyer ha affermato: “La base di tale azione è che questi vaccini sono contaminati e adulterati e hanno dimostrato di essere pericolosi e mortali”.

Una class action intentata in California a settembre per conto di due vittime di remdesivir e sostenuta dall’ExFedsGroup si basa su argomenti simili, vale a dire che Gilead, il distributore di remdesivir, potrebbe aver violato le leggi della California contro l’uso di pratiche ingannevoli, incluso il Consumer Legal Remedies Act .

L’obiettivo finale è quello di eliminare questi vaccini dal flusso dei prodotti di consumo e dalla piattaforma dei vaccini genetici, banditi nella loro interezza e coloro che hanno sviluppato, prodotto e somministrato questi vaccini con falsi pretesti, ritenuti responsabili”, ha detto Lindsay.

Geyer ha aggiunto: “L’obiettivo finale dell’iniziativa sarebbe quello di fare pressione sui governi locali e statali affinché agiscano negando l’accesso dei cittadini, in particolare dei bambini, a queste terapie geniche”.

“Ci rendiamo conto che in gran parte si tratta di una battaglia politica“, ha detto Witcher. “Dobbiamo coinvolgere i nostri politici e invertire la tendenza, e certamente abbiamo bisogno del coinvolgimento degli avvocati. Quindi stiamo solo cercando di educare le persone, di difenderle e proteggerle”.

Tradotto da: https://childrenshealthdefense.org/defender/stop-the-shots-covid-vaccines/?utm_source=telegram&utm_medium=social&utm_campaign=defender&utm_id=20231116

Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore.

Leggi le ultime notizie su www.presskit.it

Può interessarti anche: Non è andato tutto bene. Abbiamo avuto 188.000 morti, avv. Erich Grimaldi

Per non dimenticare: Morti da vaccino: 77mila euro è il costo di una vita per lo stato italiano

Può interessarti anche: Comitato Nazionale Familiari Vittime del Covid in piazza per chiedere giustizia: “Sono morti da soli”

Per non dimenticare: Bus elettrico cade dal cavalcavia a Mestre, probabilmente per un malore dell’autista

Per non dimenticare: Segnalazioni di morti per vaccini dal 1990 ad oggi: l’aumento degli ultimi due anni è senza precedenti

Per non dimenticare: “Esiti fatali”, morti, dopo il vaccino. “Toglierei?”, così nel rapporto di sorveglianza non vengono pubblicati

Per non dimenticare: Fifa: +300% dei calciatori morti rispetto ai 12 anni precedenti dopo i vaccini Covid

Per non dimenticare: La maggioranza dei pazienti Covid attaccata a un ventilatore sono morti. L’Oms ha spinto questa pratica

Per non dimenticare: Atleti morti negli ultimi due anni, il numero è impressionate: 1884 ed è tratto dalle notizie dei giornali

Per non dimenticare: Le morti improvvise fra gli atleti sono aumentate del 3.800%

Per non dimenticare: Pfizer non ha fatto i test istopatologici sui morti, “il vaccino non sarebbe mai stato approvato”, Steve Kirsch

Per non dimenticare: Australia eccesso di mortalità spaventoso: oltre 22mila morti nel 2022, quasi 16 volte tanto il culmine della pandemia

Può interessarti anche: Morti da vaccino: una ricerca su Journal of Clinical Medicine ne spiega i motivi

Può interessarti anche: Il video documentario in cui due eminenti cardiologi parlano delle morti improvvise dopo i vaccini

Per non dimenticare: Il trucco italiano per tenere basse le morti da vaccino: se avvenute dopo 14 giorni non contano

Può interessarti anche: Pfizer files: 22% dei pazienti spariti, 3,7% morto, 35% non guarito al momento della revisione. Vaccino approvato

Può interessarti anche: Registro per le morti improvvise, cura degli effetti avversi e tavolo tecnico: le richieste di associazioni e medici impegnati nella cura e nella denuncia degli effetti avversi

Può interessarti anche: Morti improvvise: insufficienze cardiache senza alcuna indicazione preventiva

Per non dimenticare: Lancet ritira lo studio sui morti dopo il vaccino, il 73,9% era riferibile al vaccino in 325 casi di autopsia

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/presskit.it

Seguici su Sfero: https://sfero.me/users/presskit-quotidiano-on-line

Seguici su Telegram https://t.me/presskit

 

 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com