Morti da vaccino: una ricerca su Journal of Clinical Medicine ne spiega i motivi

Le caratteristiche della cosiddetta trombocitopenia immunitaria indotta da vaccino (VITT) dopo la vaccinazione con ChAdOx1 nCoV-19: reperti ricorrenti erano emorragia intracranica e microtrombi diffusi localizzati in più aree. Inoltre, è fondamentale fornire evidenze sulla miocardite correlata al vaccino BNT162B2.

“Ventidue (14 femmine, 8 maschi) sono stati segnalati come decessi verificatisi in seguito alla somministrazione di ChAdOx1 nCoV-19. L’età media era 47,6. Sono stati inoltre riportati 6 casi di effetti avversi fatali dopo la somministrazione di COVID-19. Gli autori hanno evidenziato una trombosi della vena porta; trombi nelle vene spleniche e mesenteriche superiori; infine, sono stati segnalati piccoli trombi nell’aorta infrarenale e in entrambe le arterie iliache. Infine, i risultati dell’autopsia hanno rivelato una trombosi venosa cerebrale. Questo articolo descriveva, per la prima volta, la presenza di anticorpi contro il fattore piastrinico 4 (PF4), suggerendo un meccanismo patologico simile a quello – grave – della trombocitopenia indotta da eparina (HIT)”.

I ricercatori hanno analizzato gli studi già pubblicati. “Tutti gli studi pubblicati fino al 2 dicembre 2021 sono stati ricercati utilizzando le seguenti parole chiave: “Vaccino COVID-19”, “Vaccino SARS-CoV-2”, “Vaccinazione COVID-19”, “Vaccinazione SARS-CoV-2” e “Autopsia”. ” o “Post mortem”. – scrivono – Abbiamo incluso 17 articoli pubblicati con casi fatali con indagini post mortem. Sono stati analizzati un totale di 38 casi: 22 casi erano correlati alla somministrazione di ChAdOx1 nCoV-19, 10 casi a BNT162b2, 4 casi a mRNA-1273 e 2 casi a Ad26.COV2.S. Sulla base di questi dati, l’autopsia è molto utile per definire le principali caratteristiche della cosiddetta trombocitopenia immunitaria indotta da vaccino (VITT)”

Gli studiosi non hanno intenti no-vax, ma sono convinti che “la sfida attuale in tutto il mondo è la somministrazione del vaccino contro il coronavirus 2 (SARS-CoV-2) della sindrome respiratoria acuta grave. Considerando che la vaccinazione COVID-19 rappresenta la migliore possibilità per risolvere questa pandemia, questa revisione sistematica mira a chiarire i principali aspetti degli effetti avversi fatali relativi ai vaccini COVID-19, con l’obiettivo di far progredire le nostre conoscenze, supportare le decisioni o suggerire cambiamenti nelle politiche a livello locale, regionale e globale. Inoltre, questa revisione mira a fornire raccomandazioni chiave per migliorare la consapevolezza della sicurezza del vaccino.

Al fine di evitare un altro “blocco della scienza” [54,55], siamo fermamente convinti che l’autopsia dovrebbe essere la regola nella valutazione della causalità dei casi fatali che si verificano contemporaneamente alla vaccinazione COVID-19. Misure come chiarire la sicurezza e l’efficacia del vaccino sono essenziali per ridurre l’esitazione del vaccino nella popolazione generale. Nonostante l’esitazione al vaccino sia un fenomeno globale, le cause sono molto diverse in ogni paese. Come discusso nella presente recensione, i rapporti sui gravi effetti avversi della vaccinazione, come trombosi, trombocitopenia e miocardite, hanno influenzato negativamente l’opinione pubblica, rallentando il programma vaccinale. In linea con queste considerazioni, è auspicabile che tutti i dati raccolti dopo le indagini post mortem siano condivisi nella comunità scientifica al fine di indicare le relative contromisure”.

Fonte Journal of Clinical Medicine lo studio
 

Altri articoli interessanti