Maschi contro femmine a scuola: cosa succede sul fronte rendimenti?

In Italia, come nella maggioranza degli altri paesi, le ragazze hanno, in generale, risultati migliori nella comprensione testuale e peggiori in matematica e in scienze.

La differenza tra generi, come testimonia l’ultimo rapporto dell’Istat, è ampia per la comprensione dei testi (il 27,7 per cento degli studenti non ha competenze sufficienti, contro il 18,6 per cento delle studentesse), meno forte e a favore dei ragazzi per le competenze matematiche (22,6 per cento dei maschi contro 25,1 per cento delle femmine) e assente per le competenze scientifiche.

Riguardo alle differenze territoriali, la quota di studenti con competenze inadeguate è più bassa nel Centro-Nord in tutti gli ambiti: la differenza del Nord-est rispetto al Sud è di 16,4 punti percentuali per la lettura, e di 20 punti sia per la matematica che per le scienze. Divari più accentuati si osservano anche per le diverse tipologie di istruzione.

Nei licei si rileva un’incidenza più bassa di studenti con competenze inadeguate (8 per cento in lettura, 11,1 per cento in matematica e 12,2 per cento in scienze). Negli istituti tecnici la quota sale al 26,9 per cento per la lettura, al 22,8 per cento per la matematica e al 26,7 per cento per le scienze mentre negli istituti professionali oltre il 55 per cento dei ragazzi non dispone di un livello sufficiente di competenze.

Altri articoli interessanti