Ucraina: “la prima battaglia nelle guerre moderne è quella della verità”, Michele Maggiordomo

“La guerra dell’informazione implica che una parte neghi, sfrutti o corrompe la trasmissione e il funzionamento delle informazioni di un nemico. Viene utilizzato sia per proteggersi dalle informazioni del nemico sia per creare un ambiente favorevole alle proprie informazioni”, spiega Michele Maggiordomo, Professore Associato di Scienze Politiche, Clark University, in un recente articolo su The Conversation.

“Il fronte dell’informazione nella guerra Russia-Ucraina non è una novità. È stato aperto dalla Russia nel 2014 durante l’annessione della Crimea e l’incursione nella regione del Donbas. La Russia ha preso l’offensiva per nascondere i suoi obiettivi territoriali, dicendo invece che era lì per proteggere i civili e resistere all’ulteriore diffusione dell’imperialismo occidentale.

L’uso della propaganda e dei simboli da parte della Russia durante il conflitto, più recentemente durante le celebrazioni del “Giorno della Vittoria” nel tentativo di tracciare parallelismi distorti con la seconda guerra mondiale, ha attirato molta attenzione.

“Una guerra di terra in Europa lanciata da una grande potenza militare evoca i fantasmi della seconda guerra mondiale. Ciò è particolarmente vero quando il paese attaccante ha progetti su un territorio che considera parte integrante della sua nazione ed è guidato da un regime autoritario personalista in cui tutto il potere è concentrato in un unico leader”.

“Con il carismatico presidente Volodymyr Zelenskyy in testa, l’uso sapiente dei media tradizionali e dei social media da parte dell’Ucraina, nonché gli appelli diretti al Congresso degli Stati Uniti, al Parlamento europeo e alla corte dell’opinione pubblica mondiale, hanno fornito un quadro chiaro e convincente della guerra.

Quella cornice è strutturata attorno a cinque temi toccanti:

  • la causa intrinsecamente giusta dell’autodifesa ucraina;
  • la tenacia della resistenza ucraina;
  • la barbarie della condotta russa;
  • La strategia militare imperfetta e l’inettitudine generale della Russia;
  • il disperato bisogno dell’Ucraina di hardware militare più e più sofisticato.

L’Ucraina ha creato una situazione di stallo con la Russia sottolineando questi temi di una guerra giusta per la liberazione nazionale utilizzando non solo i tradizionali strumenti di guerra – proiettili, missili, carri armati – ma anche plasmando la percezione della guerra da parte dell’opinione pubblica occidentale.

Dal 2014 ad oggi, l’establishment della sicurezza e della difesa dell’Ucraina si è concentrato sul miglioramento della sua capacità di contrastare tali tattiche di disinformazione. La vittoria schiacciante a sorpresa di Zelenskyy alle elezioni presidenziali del 2019 ha dato all’Ucraina quella che si è rivelata la sua più grande risorsa. Abile comunicatore e interprete, Zelenskyy usa regolarmente ed efficacemente le informazioni disponibili per presentare l’Ucraina e dare una versione della guerra dal punto di vista ucraino per sfatare quella russa.

  • I suoi primi video selfie dalle strade di Kiev hanno sottolineato il coraggio e l’unità dell’Ucraina in una guerra di autodifesa: “i cittadini sono qui e noi siamo qui”.
  • Il discorso virtuale di metà marzo di Zelenskyy al Congresso degli Stati Uniti ha tracciato una linea diretta dalle atrocità russe – presenti in un videoclip grafico che ha mostrato ai legislatori – alla necessità per l’Occidente di “fare di più”.
  • Il suo discorso all’ONU all’inizio di aprile ha ampliato la portata e i termini della guerra, definendola una lotta esistenziale contro la tirannia e il male e per l’anima stessa dell’ONU

Tuttavia, permangono interrogativi sulla fattibilità a lungo termine di questa strategia. Per definizione, la guerra dell’informazione oscura e distorce la realtà al fine di inclinare la percezione di un conflitto a vantaggio di un paese. Parafrasando un adagio secolare, la guerra tra Russia e Ucraina ci ricorda che la prima battaglia nelle guerre contemporanee potrebbe essere per la verità.

Può interessarti anche: Lo ammettono: il racconto della guerra in Ucraina è propaganda

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/presskit.it

Seguici su Telegram https://t.me/presskit

 

 

Altri articoli interessanti