Giochi paraolimpici: c’è anche una squadra di atleti rifugiati

La squadra manda un messaggio di speranza agli oltre 82 milioni di persone costrette a fuggire in tutto il mondo, tra cui circa 12 milioni che vivono con una disabilità.

A rappresentare la squadra come portabandiera nella cerimonia di apertura sono il lanciatore Alia Issa e il nuotatore Abbas Karimi che, come sostenitore di alto profilo dell’UNHCR, è accanto alle persone costrette a fuggire in tutto il mondo. La squadra paralimpica di rifugiati sarà la prima ad entrare nello stadio olimpico del Giappone per la parata degli atleti durante la cerimonia e gareggerà sotto la bandiera del Comitato paralimpico internazionale (IPC) durante i giochi.

Si tratta della prima squadra ufficiale di rifugiati a partecipare ai Giochi Paralimpici, dopo l’inclusione di due atleti rifugiati nei giochi di Rio 2016 sotto la bandiera della squadra di atleti paralimpici indipendenti. La squadra è composta da sei atleti rifugiati provenienti da quattro paesi di accoglienza che competono in cinque sport paralimpici. La loro partecipazione contribuisce a sfidare lo stigma e le percezioni negative delle persone costrette a fuggire, comprese quelle che vivono con disabilità.

“È con enorme gioia che faccio il tifo per la squadra paralimpica dei rifugiati nella cerimonia di apertura e durante le gare”, ha detto l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, Filippo Grandi. “La loro presenza sulla scena mondiale in questi Giochi Paralimpici segna un momento storico di rappresentanza per oltre 12 milioni di persone costrette a fuggire che vivono con una disabilità in tutto il mondo”.

“Le persone costrette a fuggire che vivono con una disabilità possono essere esposte a un rischio maggiore di discriminazione, violenza e sfruttamento”, ha aggiunto Grandi. “Nonostante queste immense sfide, i rifugiati che vivono con disabilità sono agenti di cambiamento positivo e leader nelle loro comunità, anche nel campo del Para-sport. Meritano pari accesso e opportunità per eccellere. Sarò orgoglioso di fare il tifo per la squadra paralimpica dei rifugiati mentre ispirano il mondo con la loro perseveranza e il loro talento”.

L’UNHCR lavora con e per le persone costrette a fuggire che vivono con disabilità per garantire loro l’accesso a servizi e opportunità vitali. L’agenzia collabora con l’IPC dal 2016 per aiutare a fornire ai rifugiati un accesso allo sport Para in grado di cambiare la loro vita e per garantire un mondo più inclusivo e uguale.

Lo sport può aiutare a ridurre lo stigma e la discriminazione, a sfidare i presupposti su ciò che le persone costrette a fuggire con disabilità possono e non possono fare, a garantire l’inclusione e a conferire loro potere. Lo sport aiuta anche le persone costrette a fuggire che vivono con una disabilità a raggiungere un maggiore benessere fisico e mentale.

“L’ho detto prima e lo dirò di nuovo – la squadra paralimpica dei rifugiati è la squadra sportiva più coraggiosa del mondo”, ha detto Andrew Parsons, Presidente del Comitato Paralimpico Internazionale.

“Quando si considera il viaggio incredibile che questi atleti hanno fatto per arrivare a Tokyo, si capisce veramente come il cambiamento può iniziare con lo sport. E nella stessa settimana in cui abbiamo lanciato WeThe15, è importante dare alle persone con disabilità una voce e una presenza: a Tokyo 2020, la squadra paralimpica dei rifugiati parlerà per conto di e rappresenterà orgogliosamente i 12 milioni di persone costrette a fuggire che hanno una disabilità.”

L’UNHCR, insieme all’IPC e ad altri partner, sta guidando una campagna globale per un mondo in cui tutte le persone costrette a fuggire, comprese quelle con disabilità, possano accedere e partecipare allo sport in modo equo.

Altri articoli interessanti