Le passeggiate fanno bene al nostro cervello

Uno studio neuroscientifico del Max Planck Institute for Human Development e del Medical Center Hamburg-Eppendorf suggerisce che questa abitudine ha un buon effetto non solo sul nostro benessere generale, ma anche sulla nostra struttura cerebrale. Dimostra che il cervello umano beneficia anche di brevi soggiorni all’aperto.

I ricercatori hanno esaminato regolarmente sei cittadini sani di mezza età per sei mesi. In totale, sono state effettuate più di 280 scansioni del cervello utilizzando la risonanza magnetica (MRI). Il focus dello studio era sul comportamento auto-riferito durante le ultime 24 ore e in particolare sulle ore che i partecipanti hanno trascorso all’aperto prima dell’imaging. Inoltre, sono stati interrogati sulla loro assunzione di liquidi, sul consumo di bevande contenenti caffeina, sulla quantità di tempo trascorso all’aperto e sull’attività fisica, per vedere se questi fattori alterassero l’associazione tra il tempo trascorso all’aperto e il cervello. Per poter includere le differenze stagionali, è stata presa in considerazione anche la durata del soleggiamento nel periodo di studio.

Correlata positivamente alla materia grigia
Le scansioni cerebrali mostrano che il tempo trascorso all’aperto dai partecipanti era correlato positivamente alla materia grigia nella corteccia dorsolaterale-prefrontale destra, che è la parte superiore (dorsale) e laterale del lobo frontale nella corteccia cerebrale. Questa parte della corteccia è coinvolta nella pianificazione e regolazione delle azioni e nel cosiddetto controllo cognitivo. Inoltre, è noto che molti disturbi psichiatrici sono associati a una riduzione della materia grigia nell’area prefrontale del cervello.

I risultati sono rimasti costanti anche quando sono stati mantenuti costanti gli altri fattori che potrebbero spiegare anche la relazione tra il tempo trascorso all’aperto e la struttura del cervello. I ricercatori hanno eseguito calcoli statistici per esaminare l’influenza della durata del sole, del numero di ore di tempo libero, dell’attività fisica e dell’assunzione di liquidi sui risultati. I calcoli hanno rivelato che il tempo trascorso all’aperto ha un effetto positivo sul cervello, indipendentemente dagli altri fattori di influenza.

“I nostri risultati mostrano che la nostra struttura cerebrale e il nostro umore migliorano quando trascorriamo del tempo all’aperto. Questo molto probabilmente influenza anche la concentrazione, la memoria di lavoro e la psiche nel suo insieme. Stiamo indagando su questo in uno studio in corso. Ai soggetti viene chiesto di risolvere anche compiti cognitivamente impegnativi e indossare numerosi sensori che misurano la quantità di luce a cui sono esposti durante il giorno, tra gli altri indicatori ambientali”, afferma Simone Kühn, capo del Lise Meitner Group for Environmental Neuroscience al Max Planck Institute for Human Development e autore principale dello studio.

Altri articoli interessanti