Google cancellerà di dati di chi si reca nelle cliniche abortistiche e nei rifugi contro la violenza

Google ha deciso di cancellare la cronologia di localizzazione degli utenti che si recheranno nelle cliniche per l’aborto. Il gruppo applicherà lo stesso protocollo a tutte le persone che si recheranno in posti sensibili come i rifugi contro la violenza domestica o i centri di disintossicazione.

La gestione dei dati diventa sempre più una questione di democrazia e di politica.

Vicepresidente Google: “Se utente visita struttura sensibile, cancelliamo localizzazione. Se i nostri sistemi identificano che una persona ha visitato una struttura sensibile, rimuoviamo quelle voci dalla cronologia di localizzazione poco dopo la visita. Teniamo conto delle aspettative di privacy e sicurezza delle persone che utilizzano i nostri prodotti e le avvertiamo quando accogliamo le richieste del governo, a meno che non siano in gioco vite umane”

Il colosso californiano non vuole che i dati di cui è in possesso diventino strumenti di persecuzione. ““Le tecnologie di Google  continua – possono essere strumenti per gli estremisti che vogliono sopprimere le persone che cercano assistenza sanitaria riproduttiva. Perché Google conserva informazioni sulla posizione geografica di centinaia di milioni di utenti di smartphone, che condivide regolarmente con le agenzie governative”.

E’ iniziata una grande battaglia per le libertà fondamentali.

Seguici su www.presskit.it

Può interessarti anche: “Un diritto autorizzato non è più diritto, può essere revocato”, Giorgio Agamben

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/presskit.it

Seguici su Telegram https://t.me/presskit

Altri articoli interessanti