Siccità: “Lanciare particele di ioduro d’argento fa piovere, lo hanno fatto gli americani”, Stefano Montanari

“Gli interventi sul clima si sono sempre fatti. Intervenire sul clima è assolutamente possibile. Lanciare in cielo particelle di ioduro d’argento causa la pioggia. E’ una cosa nota agli scienziati da molti e molti decenni. Lo sapevano bene anche i nostri contadini. Le lanciavano in cielo per la grandine e la pioggia”, spiega Stefano Montanari, scienziato e divulgatore di fama internazionale, a 100 giorni da Leoni.

Lo ioduro di argento è un sale poco solubile di colore giallo avente formula AgI sebbene si presenti spesso di colore grigio per la presenza di argento metallico a causa della sua fotosensibilità tipica, tra gli altri degli alogenuri di argento.

Con inseminazione delle nuvole, semina delle nuvole o ancora col termine inglese di cloud seeding s’intende una tecnica di modificazione del clima che mira a cambiare la quantità ed il tipo di precipitazione attraverso la dispersione nelle nubi di sostanze chimiche che fungano da nuclei di condensazione per favorire le precipitazioni. Questa tecnica può essere impiegata sia per aumentare la piovosità in zone aride sia per prevenire la formazione di grandine in fronti temporaleschi. Le sostanze possono essere disperse da aerei, rilasciate da dispositivi a terra, o veicolate tramite uso di razzi o cannoni antiaerei. In base alla tecnica impiegata, queste possono essere iniettate direttamente nelle nuvole, lasciate cadere al di sopra di esse oppure disperse al di sotto delle nuvole affinché siano trasportante al loro interno dalle correnti ascensionali.

“Quando gli americani bombardarono la ex Jugoslavia e in aria c’erano sospesi non saprei dire quante migliaia di tonnellate do polveri sottili e ultra sottili, che sono tossiche per il nostro organismo. L’aria era irrespirabile. – continua Montanari – Cosa fecero gli americani? Lanciarono delle particelle di ioduro d’argento, e così piovve sulla terra una quantità enorme di polvere. Il problema in questo caso è la polvere caduta dal cielo inquino il terreno e il Danubio. Fecero peggio di quello che avrebbero fatto senza fare nulla.

Quando Putin convocò i grandi della Terra al Cremlino promise che non avrebbe fatto piovere, cosa che successe.

Quando ci furono le Olimpiadi a Pechino si promise che non sarebbe piovuto, e l’impegno è stato mantenuto.

Non voglio essere complottista, ma guardo quello che accade: le immagini da satellite riportano i corpi nuvolosi che arrivano da Ovest, la Terra ruota e quindi i corpi nuvolosi per motivi di fisica terreste arrivano da Ovest, e vedo questo corpi nuvolosi che arrivano dall’America e dall’Oceano Atlantico, arrivano sull’Europa e quando arrivano vicino all’Italia curiosamente si spaccano in due, una parte va verso Nord, una verso Sud evitando l’Italia. Perché? Non lo so. So solo che qui non piove mai. E questo è un bel problema. Da altre parti del mondo piove. C’é qualcosa di curioso e di molto, molto strano”.

Cosa può succedere? Che ci sarà una carestia. Già noi siamo incamminati su questa strada. La carestia alimentare la stanno preparando da tempo e ci arriveranno, ci stanno già arrivando, con aumenti di prezzo, mica di poco, decuplicati. La carestia ci sarà perché non piove”.

Può interessarti anche: Siccità: trasformare le cave in laghi per l’acqua piovana e invalsi anche nei terreni agricoli

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/presskit.it

Seguici su Telegram https://t.me/presskit

 

 

Altri articoli interessanti