Mancano le terapie intensive, lo Stato non ha fatto quello che ha promesso. La gente muore

E’ morta una bambina trasportata d’urgenza a Roma, “perché in tutta la Calabria non ci sono terapie intensive pediatriche. Non ci sono. Non ci sono!”,  è la denuncia di Mario Giordano a Fuori dal Coro.

“Le chiedono dal 2017 e non ci sono sono, c’erano i soldi stanziati e non le hanno fatte e Ginevra è volata dalla Calabria a Roma ed è morta – continua – Lo stato non fa quello che deve fare e oggi impone queste regole folli per cui per comprare un pacchetto di caramelle in tabaccheria devo mostrare il green pass, poi non fa i posti letto negli ospedali. Roma, la Calabria, tutta italia uguale, ma il Friuli, prima regine a diventare zona gialla a novembre. Doveva fare 140 posti letto, ne ha realizzati 5. I soldi sono stati stanziati, i posti letto sono stati finanziati, se li avesse fatti forse non sarebbe diventata zona gialla, e invece ne ha fatti 5 su 140. E poi rompono le balle con il green pass…”

I posti letto in teoria sono attivabili, ma la cosa è irrealizzabili. 8 letti in Friuli contagiati in terapia intensiva, in realtà non hanno i requisiti per esserlo.

“Non si deve dimenticare quello che non è stato fatto e che è costato la vita a migliaia di persone”

“Con che faccia andate a rompere la balle al tabaccaio che deve controllare il green pass, quando non fare i letti necessari per le terapie intensive? Con che faccia?” si chiede Giordano.

 

Altri articoli interessanti