Tanzania: rafforzare la resilienza dei piccoli agricoltori che affrontano i cambiamenti climatici

In un momento storico in cui la crisi del COVID-19 potrebbe spingere altri 500.000  tanzaniani verso la povertà, AFDP si rivolgerà a piccoli agricoltori, produttori di semi di piccole e medie dimensioni, pescatori tradizionali, addetti alla lavorazione, acquacoltori, coltivatori di alghe e altri in 41 distretti della Tanzania continentale e di Zanzibar. Tanzania e IFAD collaborano per aumentare la produttività, migliorare la sicurezza alimentare e rafforzare la resilienza dei piccoli agricoltori che affrontano i cambiamenti climatici 

Un progetto del valore di 77,4 milioni di dollari, firmato dal Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) e dal governo della Repubblica Unita di Tanzania, porterà il tanto necessario aiuto a 260.000 famiglie rurali che stanno affrontando gli impatti del cambiamento climatico. Il Programma di Sviluppo dell’Agricoltura e della Pesca (AFDP) fornirà alle popolazioni rurali i mezzi per aumentare la produttività, migliorare la sicurezza alimentare e la nutrizione e aumentare la loro resilienza.

La metà dei beneficiari saranno donne e il 30% saranno giovani. Attraverso il progetto, saranno distribuite agli agricoltori 13.000 tonnellate di sementi di qualità certificata – mais, girasole e legumi. I servizi di divulgazione locale contribuiranno a creare consapevolezza sui semi migliori e faciliteranno i collegamenti con il mercato. Per aumentare l’assunzione di proteine e promuovere diete sane nelle famiglie rurali partecipanti, AFDP aiuterà ad incrementare la capacità dei centri di sviluppo di acquacoltura per riuscire a produrre 25 milioni di avannotti di tilapia e 10 milioni di pesci gatto. Il progetto svilupperà anche orti per le verdure e garantirà formazione sulla nutrizione alle famiglie. 

Altri articoli interessanti