La corruzione diventa un’aggravante nella violazione dei diritti umani

La corruzione ha un impatto devastante sullo stato dei diritti umani, e spesso mina il funzionamento e la legittimità delle istituzioni e lo stato di diritto, afferma la risoluzione approvata.

Ma a differenza di regimi simili, come la legge Magnitsky degli Stati Uniti, l’attuale regime globale di sanzioni in materia di diritti umani dell’UE (in inglese Global Human Rights Sanctions Regime – GHRSR), adottato nel dicembre 2020, non include la corruzione in relazione alle violazioni dei diritti umani come un reato punibile con misure restrittive. Il Parlamento sollecita dunque la Commissione europea a presentare una proposta legislativa che estenda la portata del GHRSR per coprire tale reato.

I deputati dovrebbero anche essere in grado di sottoporre casi di gravi violazioni dei diritti umani, al fine di aumentare la legittimità del regime di sanzioni. Inoltre, i deputati insistono su un processo inclusivo per facilitare il contributo della società civile nella denuncia delle violazioni. Il PE chiede anche che sia introdotto il voto a maggioranza qualificata al Consiglio, anche quando le sanzioni sono adottate nell’ambito del GHRSR.

Le contro-sanzioni mirano a dissuadere l’UE dal difendere i diritti umani

Inoltre, i deputati condannano qualsiasi contro-sanzione imposta all’UE, alle sue istituzioni e ai suoi deputati, organismi o cittadini, solo per aver difeso i diritti umani, la democrazia e lo stato di diritto attraverso il GHRSR.

La risposta dell’UE a tali misure di ritorsione da parte di paesi terzi deve essere rapida e coordinata, sottolineano, aggiungendo che gli accordi bilaterali con questi paesi non devono minare il regime UE delle sanzioni e la sua credibilità in politica estera in generale.

Il testo è stato adottato con 584 voti a favore, 73 contro e 33 astensioni.

“Il regime globale di sanzioni per i diritti umani dell’UE introduce uno strumento diretto e tangibile per rispondere alle gravi violazioni dei diritti umani e chiedere il conto ai responsabili degli abusi. Deve diventare un elemento essenziale della più ampia strategia dell’UE sui diritti umani e una parte fondamentale della nostra gamma di strumenti di politica esterna. Accolgo con favore la rapida attuazione del nuovo strumento e spero che sostenga gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune dell’UE”, ha detto David McAllister (PPE, DE), Presidente della commissione affari esteri.

“Permettendoci di colpire persone ed entità responsabili di gravi violazioni dei diritti umani, ovunque questi abusi abbiano luogo, il regime globale di sanzioni per i diritti umani dell’UE rafforza il ruolo guida dell’Unione in materia di rispetto dei diritti umani. Il regime ha bisogno di prendere di mira anche i sostenitori economici e finanziari di coloro che violano i diritti umani, e il Parlamento e la società civile devono essere più strettamente coinvolti per aumentare la sua legittimità”, ha detto Maria Arena (S&D, BE), Presidente della sottocommissione per i diritti umani.