Nel 2009 la Fondazione Bill e Melinda Gates ha finanziato uno studio per “identificare una mutazione che consente ai virus aviari di adattarsi alle cellule umane”

La Fondazione Bille Melinda Gates nel 2009 ha finanziato l’Università Wisconsin–Madison con 9,5 milioni di dollari per studiare i virus dell’influenza aviaria.

La sovvenzione è quinquennale e serve per identificare le mutazioni del virus che potrebbero servire da avvertimento precoce di potenziali virus influenzali pandemici.

Yoshihiro Kawaoka, virologo della UW-Madison School of Veterinary Medicine, era il ricercatore principale del progetto, che riunisce un team internazionale di scienziati alla ricerca di un metodo più affidabile per identificare le minacce influenzali alla salute umana.

“L’intervento precoce è fondamentale per il controllo delle epidemie di virus influenzali”, afferma Kawaoka. “Ma per intervenire, contiamo sul riconoscimento tempestivo del potenziale pandemico dei nuovi virus influenzali emergenti”.

Per facilitare il riconoscimento precoce, Kawaoka e i suoi colleghi cercheranno mutazioni nelle proteine ​​virali che consentono ai virus dell’influenza aviaria di legarsi ai recettori umani o facilitare la replicazione efficiente nelle cellule umane.

I virus aviari generalmente non infettano gli ospiti umani o altri mammiferi. Ma di tanto in tanto si verifica una mutazione che consente ai virus aviari di adattarsi alle cellule umane. Questo è generalmente il momento in cui si verifica una pandemia.

Identificando le mutazioni che potrebbero consentire che ciò accada, Kawaoka e i suoi colleghi sperano di poter sviluppare un sistema di allarme precoce che renderà più semplice prevedere il potenziale pandemico dei virus influenzali.

“La migliore capacità di prevedere se un virus ha un potenziale pandemico sarebbe una risorsa inestimabile per la comunità globale”, afferma Kawaoka. “Milioni di vite potrebbero essere salvate se i metodi di intervento – come il distanziamento sociale, la distribuzione di composti antivirali e lo sviluppo/produzione di vaccini – potessero essere implementati tempestivamente”.

Fonte

Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore.

Leggi le ultime notizie su www.presskit.it

Può interessarti anche: Influenza aviaria c’è la cura: il trattamento con la clorochina confermato efficace negli studi pre-clinici per gli esseri umani, dott. Peter A. McCullough

Per non dimenticare: Il Messico smentisce l’Oms sulla morte di un uomo di 59 anni. La causa del decesso non è stata l’influenza aviaria, aveva molte patologie… poi ritratta anche l’Oms

Per non dimenticare: Influenza aviaria e guadagno di funzione: “si può renderla renderla altamente contagiosa per gli esseri umani, intervenendo su cinque aminoacidi della proteina spike”, la denuncia di Peter McCullough

Per non dimenticare: Il Dipartimento dell’Agricoltura americano (USDA) e la Cina lavorano alla ricerca sull’influenza aviaria H5N1 dal 2021, anno in cui apparentemente è iniziata l’attuale epidemia

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/presskit.it

Seguici su X: https://x.com/presskit_it

Seguici su Sfero: https://sfero.me/users/presskit-quotidiano-on-line

Seguici su Telegram https://t.me/presskit

Copiate l’articolo, se volete, vi chiediamo solo di mettere un link al pezzo originale.

Altri articoli interessanti

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com