I sistemi di identificazione digitale possono “Aprire la strada per l’inferno”, Center for Human Rights and Global Justice della New York University

Un rapporto di 100 pagine — “Aprire la strada all’inferno? A Primer on the Role of the World Bank and Global Networks in Promoting Digital ID” – pubblicato dal Center for Human Rights and Global Justice della New York University (NYU) ha esortato le organizzazioni per i diritti umani a prestare attenzione alle minacce poste da una spinta globale per gli ID digitali, potrebbero “aprite la strada per l’inferno” e portare a nuove e pervasive violazione dei diritti umani.

I ricercatori hanno esaminato l’impatto sui diritti umani dei sistemi nazionali di identificazione digitale e hanno sostenuto che un’analisi costi-benefici dei sistemi di identificazione digitale suggerisce che fanno più male che bene, specialmente per le persone più emarginate del mondo.

I ricercatori della NYU hanno affermato che molti sostenitori, inclusa la Banca mondiale, ritraggono gli ID digitali come un mezzo per ottenere una maggiore inclusività e sostenibilità ambientale quando, in realtà, è probabile che i sistemi facciano esattamente l’opposto.

Secondo il rapporto, l’ID digitale è stato travestito da “un inarrestabile colosso e inevitabile segno distintivo della modernità e dello sviluppo nel 21° secolo”, facendo sì che le voci dissenzienti siano “cancellate come luddisti e ostacoli al progresso”.

Laddove i sistemi di identificazione digitale minacciano i diritti umani, hanno affermato i ricercatori della NYU, tali sforzi dovrebbero essere “fermati del tutto”.

sostenitori dell’ID digitale sostengono che i sistemi possono contribuire all’inclusività e allo sviluppo sostenibile, con alcuni che si spingono fino a considerare l’adozione di sistemi di identificazione digitale un prerequisito per la realizzazione dei diritti umani.

Ma i ricercatori della NYU hanno affermato di ritenere che “l’obiettivo finale” dei sistemi di identificazione digitale sia “facilitare le transazioni economiche e la fornitura di servizi del settore privato, portando anche nuovi individui più poveri in economie formali e “sbloccando” i loro dati comportamentali”.

“Le promesse di inclusione e fiorenti economie digitali potrebbero sembrare allettanti sulla carta”, hanno affermato i ricercatori, “ma i sistemi di identificazione digitale non sono riusciti costantemente a mantenere queste promesse nelle situazioni del mondo reale, soprattutto per i più emarginati”.

Gli autori hanno aggiunto:

“In effetti, stanno emergendo prove da molti paesi, in particolare dal mega progetto di identificazione digitale Aadhaar in India, delle gravi e su larga scala delle violazioni dei diritti umani legate a questo modello. Tali sistemi possono infatti esacerbare forme preesistenti di esclusione e discriminazione nei servizi pubblici e privati. L’uso delle nuove tecnologie può inoltre portare a nuove forme di danno, tra cui l’esclusione biometrica, la discriminazione e i molti danni associati al “capitalismo della sorveglianza”.”

I vantaggi dell’utilizzo dell’ID digitale sono “mal definiti” e “scarsamente documentati”, hanno affermato gli autori della NYU.

“Da quali prove esistono, sembra che coloro che trarranno maggiori benefici potrebbero non essere quelli” lasciati indietro “, ma invece un piccolo gruppo di aziende e governi”, hanno scritto.

Qui si può scaricare il rapporto integrale: https://chrgj.org/wp-content/uploads/2022/06/Report_Paving-a-Digital-Road-to-Hell.pdf

Leggi le ultime notizie su www.presskit.it

Può interessarti anche: Riconoscimento facciale: per il Garante della Privacy non si può fare. Sanzione a Clearview AI

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/presskit.it

Seguici su Telegram https://t.me/presskit