Denunciare il nazismo, anche quando non c’è, carta per “Invadere il paese gratuitamente” della Russia

Ci sono i nazisti, il paese va denazificato. Con questa scusa la Russia ha invaso l’Ucraina. “Pochi giorni prima, il membro dell’assemblea cittadina pro Putin di Mosca, Sergey Savostyanov, ha affermato che dopo l’Ucraina, la Russia ha bisogno di cacciare i presunti nazisti dal potere in altri sei paesi: Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Moldova e Kazakistan”. denuncia in un recente articolo su The Conversation, Juris Pupcenoks, Professore Associato di Scienze Politiche, Collegio Marista.

“Solo pochi mesi dopo l’invasione russa dell’Ucraina, fatta con la falsa pretesa di denazificare il governo di quel paese, tali affermazioni potrebbero far venire i brividi alle persone in quei paesi così come a molti attenti osservatori della regione .

Si potrebbe sostenere che tali affermazioni di denazificazione “potrebbero essere liquidate come l’espressione iperbolica di un individuo nell’atmosfera surriscaldata della Russia odierna”, come l’ha recentemente descritta lo studioso ed ex diplomatico Paul Goble. Eppure è evidente che per oltre un decennio la Russia ha usato bugie e disinformazione, inclusi molti riferimenti alla denazizzazione dell’Ucraina, per costruire un caso specifico per l’invasione dell’Ucraina.

E le affermazioni non supportate di denazificazione sono state una scusa per l’aggressione internazionale russa sin dalla seconda guerra mondiale.

Putin ei suoi alleati hanno tentato di espandere il significato di “nazismo” per renderlo essenzialmente privo di significato, ma comunque utile per loro. Chiunque si opponga al governo di Putin può essere etichettato come un nazista, rappresentando fondamentalmente i peggiori e più orribili nemici che la Russia abbia mai affrontato nella sua storia, la battaglia contro la quale è costata quasi 1 vita sovietica su 6, civili e militari. L’opposizione è fascista.

Come studioso di comunicazione diplomatica russa, ho studiato l’uso della lingua russa per giustificare i suoi interventi militari. Ho scoperto che i diplomatici russi usano e abusano in modo incoerente delle espressioni del diritto internazionale per giustificare le azioni russe volte a guadagnare più influenza o territorio.

E l’etichetta “nazista” è stata selettivamente utilizzata e usata in modo improprio per prendere di mira i presunti oppositori del regime di Putin, a volte con un certo successo. In effetti, a un estremo, secondo i propagandisti di Putin, il nazismo non deve nemmeno essere antisemita. Per i funzionari russi, chiunque esprima sentimenti anti-russi può essere denunciato come nazista. Ciò ha permesso alla Russia di affermare che l’Ucraina era governata dai nazisti, anche se il presidente Volodymyr Zelenskyy è ebreo.

Nel maggio 2022, il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, un forte alleato di Putin, ha accusato l’Occidente di sostenere le idee naziste. Sempre a maggio, il ministero degli Affari esteri russo ha affermato che il governo israeliano sostiene i neonazisti in Ucraina. Questa affermazione è arrivata subito dopo che Israele ha chiesto scuse per l’affermazione del ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov secondo cui Hitler aveva origini ebraiche.

La Russia ha affermato che l’Ucraina è governata dai nazisti, anche se il presidente Volodymyr Zelenskyy, visto qui l’8 luglio 2022, è ebreo e ha perso molti membri della famiglia durante l’Olocausto.

In nessun luogo la Russia è stata più insistente con le accuse di nazismo che in Estonia e Lettonia, due paesi con una considerevole popolazione di lingua russa e l’appartenenza all’Unione Europea e alla NATO.

Per decenni, la Russia ha affermato che le idee fasciste circolano in questi paesi su larga scala e sono diventate mainstream. Nel 2007, Putin si è detto costernato dalla presunta riverenza dell’Estonia e della Lettonia per il nazismo: “Le attività delle autorità lettoni ed estoni sono apertamente conniventi alla glorificazione dei nazisti e dei loro complici. Ma questi fatti restano inosservati dall’Unione Europea”.

Nel 2012, la Russia ha reagito con rabbia a un recente raduno di veterani della seconda guerra mondiale in Estonia e ha affermato che mirava alla “glorificazione degli ex uomini delle SS e dei collaborazionisti locali”.

Nel frattempo, infuria un altro dibattito sul fatto che la stessa Russia sotto Putin possa essere vista come uno stato fascista. Da un lato, la dittatura di Putin ha abbracciato il militarismo espansionista, schiacciato l’opposizione interna, promosso nazionalismo tossico e rianimato il patriottismo russo costruendo un’identità nazionale attorno alla sconfitta russa della Germania nazista.

D’altra parte, coloro che sostengono che la Russia possa essere una dittatura repressiva e aggressiva – ma non uno stato fascista – notano che il fascismo è un’ideologia fondamentalmente rivoluzionaria e tende ad essere accompagnato da una mobilitazione di massa. Nel frattempo, Putin è visto da molti come un dittatore reazionario di destra che non è guidato da idee rivoluzionarie, non ha molto carisma e governa una popolazione in gran parte passiva. I suoi sostenitori continueranno probabilmente a etichettare come nazisti gli avversari percepiti. Tale lavoro di base retorico potrebbe alla fine portare a più guerre oltre l’Ucraina”.

Leggi le ultime notizie su www.presskit.it

Può interessarti anche: “I nazisti in Ucraina ci sono, ma stanno anche difendendo la loro patria”, Capezzone

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/presskit.it

Seguici su Telegram https://t.me/presskit

 

Altri articoli interessanti