Il grano ucraino potrebbe passare dalla Polonia. L’Europa manda una delegazione per capire la situazione

Una delegazione della commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale, guidata dal presidente Norbert Lins, si recherà al confine polacco-ucraino dal 20 al 21 giugno 2022.
Durante la visita, i deputati visiteranno i valichi di frontiera di Medyka (ferroviaria) e Korczowa (stradale) per valutare l’importazione di prodotti agricoli ucraini e il potenziale per percorsi alternativi. La capacità di immagazzinare i prodotti agricoli sarà oggetto di uno scambio di opinioni tra i deputati europei ei rappresentanti delle imprese e del commercio ucraini.

Prima del viaggio, Norbert Lins (PPE, DE) ha dichiarato: “A causa del blocco russo dei porti ucraini del Mar Nero, le esportazioni di grano devono essere trasportate su strada e su rotaia. Questa è una grande sfida infrastrutturale e burocratica ai confini dell’Ucraina. Lo scopo di questa missione conoscitiva al confine polacco-ucraino è vedere quali sono i problemi sul posto e dove l’aiuto da parte europea potrebbe essere fornito molto rapidamente e in modo semplice“.

Lins sarà affiancato da altri cinque eurodeputati: Herbert Dorfmann (PPE, IT), Juozas Olekas (S&D, LT), Ulrike Müller (Renew, DE), Tilly Metz (Verdi/EFA, LU), Veronika Vrecionová (ECR, CZ) .

Il 24 marzo il Parlamento europeo ha adottato una risoluzione che chiedeva la creazione di corridoi alimentari da e per l’Ucraina. Il 12 maggio la Commissione ha pubblicato un piano d’azione per le corsie di solidarietà UE-Ucraina per facilitare l’esportazione agricola dell’Ucraina e il commercio bilaterale con l’UE, che mira a ripristinare il commercio con l’Ucraina risolvendo le strozzature amministrative e di trasporto e reindirizzando i flussi verso rotte alternative.

Può interessarti anche: “Gas, petrolio, terre rare e mais, i veri motivi della guerra contro l’Ucraina”, Maurizio Belpietro

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/presskit.it

Seguici su Telegram https://t.me/presskit