Via libera all’estradizione negli Usa di Assange, si mobilita il sindacato dei giornalisti australiani

La ministra dell’Interno del Regno Unito, Priti Patel, ha autorizzato l’estradizione di Julian Assange negli Usa per affrontare accuse relative alla Legge sullo spionaggio.

Pritt Patel si è giustificata dicendo che: “deve firmare un ordine di estradizione se non ci sono basi che lo vietino”.

“Questa decisione pone Assange in grande pericolo e invia un messaggio agghiacciante ai giornalisti in ogni parte del mondo”, ha dichiarato Agnés Callamard, segretaria generale di Amnesty International.

“Se l’estradizione andrà avanti, Assange correrà il grande rischio di essere posto in isolamento prolungato, in violazione del divieto di maltrattamenti e torture. Le assicurazioni diplomatiche fornite dagli Usa, secondo le quali Assange non sarà tenuto in isolamento, non possono essere prese sul serio dati i precedenti”, ha aggiunto Callamard.

 “Chiediamo al Regno Unito di non estradare Assange e agli Usa di annullare le accuse affinché Assange sia liberato”, ha concluso Callamard.

 È probabile che vi saranno ulteriori appelli contro l’estradizione, basati sulla violazione del diritto alla libertà d’espressione.

L’estradizione di Assange un pericoloso assalto al giornalismo internazionale, afferma il sindacato dei giornalisti australiani.

La decisione del governo del Regno Unito di accogliere la richiesta del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti di estradare l’editore australiano Julian Assange mette in pericolo i giornalisti di tutto il mondo, afferma il sindacato dei giornalisti australiani.

La Media, Entertainment & Arts Alliance chiede al governo australiano di adottare misure urgenti per fare pressioni sui governi degli Stati Uniti e del Regno Unito affinché ritirino tutte le accuse contro Assange e gli consentano di stare con sua moglie e i suoi figli.

Assange, membro del MEAA dal 2007, potrebbe avere solo una minima possibilità di contestare l’estradizione per affrontare accuse di spionaggio per aver rilasciato documenti del governo degli Stati Uniti che hanno rivelato che l’esercito americano ha commesso crimini di guerra contro civili in Afghanistan e Iraq, inclusa l’uccisione di due giornalisti Reuters.

Se ritenuto colpevole, Assange rischia una pena detentiva fino a 175 anni.

La presidente federale della sezione media del MEAA, Karen Percy, ha dichiarato: “Esortiamo il nuovo governo australiano ad agire per conto di Julian Assange e a fare pressioni per il suo rilascio.

“Le azioni degli Stati Uniti sono un segnale di avvertimento per giornalisti e informatori di tutto il mondo e minano l’importanza di scoprire le irregolarità.

“I nostri pensieri sono con Julian e la sua famiglia in questo momento difficile”.

Nel 2011 WikiLeaks ha ricevuto il Walkley Award for Most Outstanding Contribution to Journalism in riconoscimento dell’impatto che le azioni di WikiLeaks hanno avuto sul giornalismo di interesse pubblico aiutando gli informatori a raccontare le loro storie.

All’epoca i giudici di Walkley dissero che WikiLeaks applicava la nuova tecnologia per “penetrare i meccanismi interni del governo per rivelare una valanga di verità scomode in un colpo di stato editoriale globale”.

Da allora questo tipo di partnership editoriale è stata ripetuta da altri media, utilizzando le fughe di informazioni degli informatori per esporre, tra le altre storie, i regimi globali di elusione fiscale. Nell’esempio di WikiLeaks, solo Assange è stato accusato.

Nessuno dei media partner di WikiLeaks è stato citato in alcuna azione legale del governo degli Stati Uniti a causa della loro collaborazione con Assange.

Può interessarti anche: Cosa potrebbe succedere a Julian Assange negli Stati Uniti. L’analisi di Amnesty International

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/presskit.it

Seguici su Telegram https://t.me/presskit

Altri articoli interessanti