Freedom Convoy USA arriva in Indiana e si dirige a Washington

“È ora che i conducenti di camion di tutto il mondo difendano la loro gente”, ha affermato il co-organizzatore del convoglio Brian Brase. “È ora che i governi di tutto il mondo imparino che lavorano per noi, non il contrario”.

Il gruppo chiede al presidente Joe Biden di porre fine all’emergenza nazionale COVID-19. Vuole indagini del Congresso bipartisan sull’origine del COVID-19 e su come i governi federale e statale hanno gestito la pandemia. Chiede anche la fine dei mandati di vaccinazione in qualsiasi forma.

“Vogliamo ripristinare la libertà e la libertà guidate dalla Costituzione degli Stati Uniti”, ha affermato Brase. “Non si tratta solo di mandati”.

Il Tulsa World ha riferito che le forze dell’ordine dell’Oklahoma hanno affermato che la linea includeva 300 camion e si estendeva per 10 miglia a un certo punto.

La polizia di stato dell’Indiana ha stimato che 280 veicoli si sono fatti strada nella parte occidentale dello stato martedì, di cui circa 100 erano semi-camion.

I sostenitori hanno affollato i cavalcavia lungo il percorso, con il gruppo che finora ha raccolto oltre 1,5 milioni di dollari in donazioni.

Il gruppo afferma che la sua protesta sarà pacifica e non prevede di entrare a Washington, nel frattempo la capitale ha rafforzato la sicurezza per cautela.

 

Altri articoli interessanti