Per Draghi è tutta colpa dei non vaccinati. Ma sarà davvero così? La replica dalla redazione di Porro

Draghi in conferenza stampa ha detto: “Non dobbiamo mai perdere di vista una costatazione, gran parte dei problemi che abbiamo oggi dipende dal fatto che ci sono dei non vaccinati. Quindi c’è l’ennesimo invito a tutti gli italiani che non si sono vaccinati a farlo, anche con la terza dose”. “Siamo stati tra i primi ad adottare l’obbligo” di vaccino “per tutta una serie di categorie” ma “ora la circolazione del virus mette di nuovo sotto pressione i nostri ospedali, soprattutto per l’effetto sulla popolazione non vaccinata”. Poi ancora: L’obbligo dei vaccini per gli over 50, ha spiegato Draghi, “lo abbiamo fatto sulla base dei dati, essenzialmente, che ci dicono che chi ha più di 50 anni corre maggiori rischi, le terapie intensive sono occupate per i due terzi dai non vaccinati”.

Gli replicano dalla redazione di Nicola Porro: Ma non vi pare un po’ troppo? Perché se gli ospedali sono “in affanno”, come ha rivelato oggi il Qn, forse la colpa è anche dalla mancata assunzione di medici e infermieri. Forse la colpa è anche del “trucchetto” sul numero di letti in terapia intensiva disponibili in ogni Regione. E poi appare ormai chiaro che l’epidemia corra eccome anche tra i vaccinati con due dosi. Con super green pass, milioni di vaccinati, lockdown “di fatto” per i non vaccinati, green pass per andare dal parrucchiere, tamponi per entrare in Italia, siamo sicuri che la colpa sia ancora tutta dei no vax?

Altri articoli interessanti