Lavoro: Bofrost investe su Trieste e cerca 8 persone per vendere alimentari surgelati e freschi e vini del territorio

La spesa alimentare a domicilio entra a pieno titolo nelle abitudini dei consumatori di Trieste e dintorni. “Scoperta” da molti, per necessità, durante la pandemia, è oramai una realtà consolidata e rappresenta un mercato in forte espansione, capace di generare opportunità e lavoro. A dimostrarlo il caso di Bofrost: la filiale di Monfalcone dell’azienda, specializzata nella vendita porta a porta di specialità alimentari surgelate e fresche, prevede di chiudere l’anno commerciale 2021-22 con 6,2 milioni di euro di fatturato, +30% rispetto a due anni fa.

«La filiale Bofrost di Monfalcone conta oggi 33 addetti e serve una clientela di 13.600 persone su un territorio che comprende le province di Trieste, Gorizia e in parte Udine – afferma l’area manager di Bofrost Italia Ralph Battiston –. È una delle filiali con il più consistente aumento di fatturato a livello nazionale ed è la prima in Italia per vendite di vini. Sono apprezzati perché si tratta di prodotti locali, denominazioni come DOC Friuli Grave e IGT Trevenezie. Negli ultimi anni abbiamo fatto importanti investimenti sulla filiale di Monfalcone proprio per andare incontro alla forte domanda di prodotti di alta qualità, abbinati al servizio di consegna a domicilio. E prevediamo di crescere ulteriormente: per questo abbiamo bisogno di nuovo personale, e in particolare ricerchiamo 3 venditori e 5 promoter da inserire a breve».

 

Bofrost Italia, la cui sede centrale è a San Vito al Tagliamento (PN), è stata protagonista negli ultimi anni di una crescita costante e con i suoi prodotti serve nel nostro Paese 1,2 milioni di famiglie. Nel primo semestre (marzo-agosto 2021) ha realizzato un fatturato di 156,4 milioni di euro, sinonimo di una crescita del 36,2% in due anni.

L’azienda propone una gamma di prodotti sempre in evoluzione che comprende anche proposte senza glutine, vegetariane e vegane, bio e la sempre più ricca linea di prodotti freschi e specialità di gastronomia. «La spesa della clientela di Trieste è molto varia – spiega sempre Battiston – Oltre ai vini sono molto apprezzati sono il pesce surgelato, sia al naturale sia in ricette pronte da portare in tavola, la paella e la pizza margherita, piatti ricettati come lasagne e purè, e due prodotti freschi come la mozzarella di bufala campana DOP e le uova». Determinante anche la qualità del servizio: personale preparato che sa fornire consigli personalizzati, app e strumenti digitali (ordini online, pagamenti contactless, buoni pasto elettronici), comode consegne a casa con la sicurezza della non interruzione della catena del freddo.

In questo mercato ci sono tante opportunità da cogliere. Le posizioni aperte a Monfalcone riguardano 3 venditori, che visitano i clienti a bordo dei mezzi refrigerati, e 5 promoter commerciali, che si occupano della promozione dei prodotti e dei servizi Bofrost. Possibilità di part-time e flessibilità giornaliera. Requisiti per entrambe le figure: buona capacità di relazione e predisposizione a lavorare per obiettivi.

A disposizione della forza vendita ci sono strumenti digitali avanzati e app dedicate per gestire gli ordini e la relazione con il cliente, oltre a formazione qualificata con affiancamento, training e aggiornamento continuo. Concrete le possibilità di crescita professionale, oltre a misure di welfare aziendale (l’azienda è stata premiata Welfarevolution Award 2019 di Edenred).

Per candidarsi basta consultare la pagina dedicata alle carriere sul sito www.bofrost.it, dove è possibile cercare la filiale di interesse e candidarsi inserendo i propri dati e il CV.

Altri articoli interessanti