Venerdì 8 e giovedì 14 ottobre a Castelseprio (VA) visite a cantiere aperto con gli archeologi dell’Università Cattolica

Il sito archeologico di Castelseprio (VA) continua a stupire. Dopo la basilica di San Giovanni, è il borgo a rivelare una storia ancora poco conosciuta che diventa simbolo del medioevo europeo. E proprio sulle antiche abitazioni del borgo l’equipe dell’Università Cattolica di Milano, guidata dal professor Marco Sannazaro, sta approfondendo le ricerche, offrendo anche al pubblico un’occasione unica, quanto inattesa di due nuove visite a cantiere aperto. Venerdì 8 ottobre e giovedì 14 ottobre, alle 14.30, il team di archeologi si mette a disposizione per guidare i visitatori tra i resti dell’antico borgo di Castelseprio, l’area forse meno nota del sito archeologico varesino.
Le visite, curate da Archeologistics, realtà impegnata nella valorizzazione del patrimonio culturale, partiranno da un particolare edificio che è stato rinvenuto e che parrebbe avere tre vani con diverse fasi di utilizzo per poi indagare l’intero borgo che, dopo l’impegno dello scorso agosto, ha richiamato l’equipe della Cattolica. L’Università milanese partecipa al progetto “Castelseprio, centri di potere” insieme ad Archeologia Medievale Unipd e Università di Chieti, su concessione del Ministero della Cultura. Le visite termineranno al Monastero di Torba, dove la torre con funzione di avamposto militare costituiva uno degli elementi strategici del complesso del castrum di Castelseprio.
Questa occasione segue le visite a cantiere aperto proposte la scorsa estate che si erano invece concentrato sullo scavo archeologico di San Giovanni di Castelseprio, oggetto di una nuova campagna di ricerca coordinata da Gian Pietro Brogiolo nell’ambito del progetto “Castelseprio, centri di potere”. Nell’area dell’abside e presbiterio della Basilica la ricerca è condotta dall’Università di Padova: la professoressa Alexandra Chavarria guida un team di professionisti e studenti di ambito internazionale. Sepolture, strutture, frammenti di pittura murale: lo scavo ha restituito informazioni interessanti, condivise dal vivo con i numerosissimi visitatori intervenuti.

Le visite guidate sono adatte a tutti e propongono sia la conoscenza delle vicende del sito archeologico nel suo complesso, sia il dialogo con l’equipe dell’Università Cattolica per seguire da vicino  il lavoro archeologico e avere un’anteprima sui risultati dello scavo.

Per iscrizioni: bit.ly/scaviCastelseprio
Per informazioni: 328.8377206

Altri articoli interessanti