Fascicolo sanitario elettronico: violato il rapporto di privacy tra medico e paziente, se altri possono avere accesso ai nostri dati sanitari. L’allarme della dottoressa Balanzoni

Il fascicolo sanitario elettronico permette a troppe persone di accedervi, denuncia la dottoressa Barbara Balanzoni. La condivisione dei dati, secondo la dottoressa, porta a gravi violazioni della privacy: si possono fare screenshot e diffonderli. Dove è finito il rapporto di riservatezza tra medico e paziente, se altri possono accedere ai nostri dati sanitari? si chiede.

Chi accede ai dati “se vuole sapere i fatti tuoi, i tuoi screening oncologici, o se hai avuto la clamidia o altre malattie, può farlo.

Accede e vede praticamente tutto: tutte le malattie e tutte le prestazioni sanitarie.

Se qualcuno vuole fare qualcosa che non venga scoperto indipendentemente, uno preferisce che non si sappia, deve pagare, fare gli esami, gli accertamenti privatamente,” e anche questa per la dottoressa Balanzoni è un’ingiustizia palese.

“Occorre andare in un posto dove non ci sia trasmissione e comunicabilità di quello che viene fatto privatamente e pagare per avere la privacy sui propri esami.

Si deve pagare per il silenzio e quindi anche per il segreto professionale, che dovrebbe essere mantenuto comunque.

Il segreto professionale implica che il rapporto medico-paziente rimanga tra il medico e il paziente,” ma con il fascicolo sanitario elettronico le cose cambiano.

“Non si capisce perché altri possano avere accesso al fascicolo sanitario, dove magari saltano fuori esami che diventano di pubblico dominio. È possibile fare screenshot, foto, e violare facilmente la privacy delle persone. Abbiamo già avuto mille ragioni e abbiamo visto quante di queste violazioni ci sono state.

I dati inseriti nel fascicolo sanitario elettronico sono poi di appannaggio, di proprietà, di controllo del Ministero delle Finanze, e qui c’è qualcosa che non va: non si capisce perché il fascicolo sanitario elettronico debba fare riferimento al Ministero delle Finanze, a meno di non voler pensare che il Ministero delle Finanze entri in modo invasivo nella vita dei cittadini.

Noi paghiamo le tasse e una grossa fetta va nella sanità, una sanità che non solo non cura ma addirittura fa danno e che cede i dati al Ministero delle Finanze.

In questo mondo distopico, prima avvengono le violazioni e poi vengono normalizzate.

Prima avviene la negazione, la violazione di diritti sanciti costituzionalmente, che non valgono più nulla, e poi interviene successivamente una sentenza della Corte Costituzionale a giustificare questa violazione. Il sistema è completamente andato in cortocircuito”.

Fonte

Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore.

Leggi le ultime notizie su www.presskit.it

Può interessarti anche: Fascicolo sanitario elettronico: “a chi servono dei dati vecchi di 10-12 anni? A noi medici certamente no, abbiamo bisogno di accertamenti nuovi legati a questo specifico momento”, Dott. Roy De Vita

Può interessarti anche: Fascicolo sanitario elettronico: c’è il rischio che i nostri dati vengano dati in pasto alle case farmaceutiche, avv. Fusillo

Può interessarti anche: Il Ministero della Salute non ha informato adeguatamente sulla migrazione dei dati del nostro fascicolo sanitario elettronico. L’avv. Holzeisen presenta un esposto al Garante della Privacy

Per non dimenticare: Il green pass resta: è nella Gazzetta Ufficiale del 30 aprile per il PNRR, lo definiscono “Modalità tecnologiche per la raccolta, l’elaborazione e l’analisi dei dati sanitari”

Per non dimenticare: Non ancora cancellate le multe per i lavoratori non vaccinati, a cui era stato imposto l’obbligo

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/presskit.it

Seguici su X: https://x.com/presskit_it

Seguici su Sfero: https://sfero.me/users/presskit-quotidiano-on-line

Seguici su Telegram https://t.me/presskit

Copiate l’articolo, se volete, vi chiediamo solo di mettere un link al pezzo originale.

Altri articoli interessanti

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com