Processo Freedom Convoy “Non c’era bisogno di invocare la legge sulle emergenze”, l’avvocato dei manifestanti

“Sperano che diventi evidente, cosa che molti già sanno, che non c’era bisogno di invocare la legge sulle emergenze”, così Keith Wilson, l’avvocato che rappresenta una serie di importanti organizzatori dei convogli, ha affermato prima dell’inchiesta. I suoi clienti sono ansiosi di parlare di ciò che stava accadendo e del motivo per cui si trovavano a Ottawa in primo luogo.

I manifestanti hanno iniziato ad arrivare a Ottawa il 28 gennaio per esprimere la loro rabbia e opposizione al governo federale e alle restrizioni COVID-19, compresi i mandati sui vaccini.

La protesta si è rapidamente trasformata in quella che la polizia ha definito una “occupazione”, poiché i manifestanti hanno bloccato il traffico e allestito campi nelle strade cittadine. Hanno suonato i clacson, gridando grida di “libertà” e si sono rifiutati di andarsene finché le loro richieste non sono state soddisfatte.

Per il governo le informazioni dell’intelligence non suggerivano che i manifestanti avrebbero occupato Ottawa. Il capo dell’OPP afferma che l’Emergencies Act era necessario per arginare la protesta.

I manifestanti hanno ispirato proteste simili in altre parti del paese, incluso un blocco di sei giorni del valico di frontiera Canada-USA sull’Ambassador Bridge a Windsor, Ontario.

Il 14 febbraio, il governo federale ha invocato la legge sulle emergenze per concedere nuovi poteri alla polizia, bloccando sezioni della città e obbligando le società dei camionisti a rimuovere i veicoli. Sono stati inoltre concessi poteri a banche e altre società di servizi finanziari di congelare i fondi degli organizzatori delle proteste.

Presto saranno chiamati a testimoniare due dei primi organizzatori coinvolti nella pianificazione della protesta: Chris Barber e Brigitte Belton.

Barber è stato accusato insieme a Tamara Lich di malizia criminale, ostacolo alla polizia e consiglio ad altri e di intimidazione per le sue azioni durante la protesta.

Leggi le ultime notizie su www.presskit.it

Può interessarti anche: Freedom Convoy – l’arcivescovo Viganò scrive: “occorre combattere per la libertà”

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/presskit.it

Seguici su Telegram https://t.me/presskit

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com