Appartiene a un canale televisivo estremista: 5 anni di carcere a una giornalista in Bielorussia

Il 3 agosto, il tribunale regionale di Homel, in Bielorussia, ha condannato la giornalista Iryna Slaunikava a 5 anni di carcere in un processo a porte chiuse. La Federazione europea dei giornalisti (EFJ) si unisce alla sua affiliata l’Associazione bielorussa dei giornalisti (BAJ) nel chiedere l’annullamento di questa decisione arbitraria e illegale del tribunale.

Il giornalista, che è vicepresidente della BAJ, è stata ritenuta colpevole di aver organizzato azioni collettive che minano gravemente l’ordine pubblico e di aver creato o guidato un gruppo estremista. Quest’ultimo si riferisce al canale televisivo Belsat, che la dittatura bielorussa considera un’organizzazione estremista.

Il procedimento è durato quasi un mese e mezzo. Il giudice Mikalai Dolya ha esaminato il caso a porte chiuse. Il pubblico ministero era il rappresentante dell’ufficio del pubblico ministero Iryna Podkavyrova.

Iryna Slaunikava e suo marito Alexander Loika sono stati arrestati nell’ottobre 2021 all’aeroporto di Minsk, mentre tornavano da una vacanza in Egitto. Sono stati mandati in prigione sotto arresto amministrativo, presumibilmente per “diffusione di materiale estremista” e successivamente per “teppismo”.

Alexander Loika è stato rilasciato dopo 45 giorni, ma Iryna non è mai stata rilasciata. Dopo un mese di arresto amministrativo, è stata incriminata in un procedimento penale per presunta “organizzazione e preparazione di azioni che minano gravemente l’ordine pubblico”. La magistratura bielorussa ha poi aggiunto nuove accuse: “creazione di un gruppo estremista, o leadership di un tale gruppo o di un’unità strutturale che ne faccia parte”.

La commissione investigativa ha affermato che durante le indagini sul procedimento penale c’erano prove che Slaunikava fosse il capo del canale Belsat. Al momento del suo arresto, Iryna Slaunikava non collaborava con Belsat da molto tempo, ma era una dipendente a tempo pieno del canale televisivo pubblico polacco TVP.

“Con questo verdetto vergognoso e illegittimo, la magistratura bielorussa equipara il diritto a ricevere e diffondere informazioni, garantito dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo, con l’attività estremista”, ha affermato la presidente dell’EFJ Maja Sever. “La dittatura bielorussa continua a perseguitare i giornalisti che stanno semplicemente esercitando il loro diritto alla libertà di espressione. I giornalisti non sono estremisti e non è un reato avere opinioni diverse da quelle delle autorità”.

“L’EFJ si unisce alla BAJ nel chiedere il ribaltamento della sentenza di Iryna Slaunikava e l’immediato rilascio dei 29 professionisti dei media attualmente dietro le sbarre in Bielorussia”, ha aggiunto il segretario generale dell’EFJ Ricardo Gutiérrez. “Chiediamo all’Unione Europea, al Consiglio d’Europa e all’OSCE di adottare le misure necessarie per identificare e punire gli agenti della repressione bielorussa”.

Ricardo Gutiérrez, segretario generale del sindacato europeo, chiede che «la sentenza sia cancellata e che vengano rilasciati tutti i 29 professionisti dei media al momento dietro le sbarre in Bielorussia. L’Unione europea, il Consiglio d’Europa e l’Osce – incalza – adottino le misure necessarie affinché siano identificati e puniti gli agenti della repressione bielorussa».

Insieme alle organizzazioni bielorusse per i diritti umani, l’EFJ e la BAJ considerano Iryna Slaunikava una prigioniera politica.

I giornalisti in prigione al momento in Bielorussia

Katsiaryna Andreyeva
Daria Chultsova
Ihar Losik
Siarhei Hardzievich
Ksenia Lutskina
Andrei Aliaksandrau
Dzianis Ivashyn
Andrej Pachobut (Andrzej Poczobut)
Maryna Zolatava, tut by
Liudmila Chekina, tut by
Valerija Kastsiugova, editor of “Belarusian Yearbook”, analyst
Aliaksandr Ivulin, editor of Tribuna.by
Yahor Martsinovich, Nasha Niva
Andrei Skurko, Nasha Niva
Irina Lewshyna, director, editor-in-chief of BelaPAN
Dzmitry Navazhylaw, ex-director of BelaPAN
Genadz Mazheika, journalist of “Komsomolskaya Pravda in Belarus”
Iryna Slaunikava
Andrei Kuznechyk, freelancer RFE/RL
Siarhei Satsuk, editor of Ej.by
Aleh Hruzdzilovich, journalist RFE/RL
Yury Hantsarevich, Intex-press
Dzmitry Luksha, correspondent “Khabar 24 TV”
Kanstantsin Zalatykh, director of the newspaper “Belorusy i Rynok”
Ales (Aliaksandr) Liubianchuk
Yulia Mudreuskaya, ABW.BY
Yury Hladchuk, ABW.BY
Vitaly Andras, Dev.by
Alena Andras, Dev.by
Siarhei Lasenka, photographer, administrative arrest
Pavel Dailid, administrative case

Leggi le ultime notizie su www.presskit.it

Può interessarti anche: “Ricalibrare la libertà di parola”, Julie Inman Grant al World Economic Forum. Giornalismo libero in pericolo?

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/presskit.it

Seguici su Telegram https://t.me/presskit

Altri articoli interessanti