“Decreti legge utilizzati in modo da impedire al cittadino di capire cosa viene deciso?”, la denuncia dell’avv. Martina

“Noi come giuristi, siamo tutti avvocati, siamo indignati, sconvolti. Leggere un provvedimento come il DL14, cosiddetto riaperture, ci dà la misura esatta e precisa di come uno strumento normativo sia utilizzato in modo bizantino, in modo sconclusionato, anche tecnicamente utilizzato in modo da impedire al cittadino di capire cosa viene deciso”, denuncia l’avvocato , di avvocati liberi.

“Anche per noi è complesso e siamo operatori di diritto. Tutti abbiamo la pazienza di ricostruire le norme. La cosa che ci colpisce più da cittadini che da avvocati, è che sono testi incomprensibili. Ci sono norme che prevederebbero la necessità per il legislatore di essere chiaro e comprensibile, ma vengono completamente ignorate, violate. E ci ritroviamo con una normazione che il Dl 24 modifica per un’altra volta il DL 44, che è già stato oggetto di quattro rimaneggiamenti, e rimaneggia un’altra volta il Dl 52, quello sul green pass, che era già stato oggetto di almeno sette rimaneggiamenti.. e lo fa non curandosi del risultato finale. Voglio dire questo: al termine del provvedimento un decisore, il governo, in questo caso, un governo accorto pubblicherebbe il testo per come risulta all’esito delle modifiche.. e, invece, no!

Si lascia che siano a raccontare i giornali e le televisioni a raccontare le decisioni del governo, quella che è la verità.

Noi avvocati liberi siamo molto arrabbiati, ci rendiamo conto che da questa situazione si esce solo riportando le cose alla ragione umana, al naturalismo giuridico, che contraddistingue tutte le persone del mondo, alla ragione ci dobbiamo rifare, di questo naturalismo giuridico abbiamo bisogno nel prossimo legislatore”.

La denuncia è stata fatta in un’intervista alla televisione ByoBlu. Qui la versione integrale: https://www.byoblu.com/2022/05/10/dl-24-continuano-le-misure-liberticide-roberto-martina/

Può interessarti anche: “Tutti sono minacciati da pratiche discriminatorie” parola di Cacciari e Agamben

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/presskit.it

Seguici su Telegram https://t.me/presskit