Mascherine a 0,75 euro, il prezzo calmierato deve valere per tutti gli esercizi

La richiesta arriva da Consumerismo. Il prezzo calmierato deve valere per tutti gli esercizi, non solo per farmacie aderenti, altrimenti non ci sarà controllo sulle speculazioni.

L’accordo raggiunto dal Commissario Straordinario Figliuolo con le associazioni di categoria dei farmacisti per fissare a 0,75 euro il prezzo delle mascherine Ffp2 è un buon compromesso, ma purtroppo l’intesa non vale per tutti gli esercizi commerciali.  Lo afferma Consumerismo No profit, che sottolinea come il prezzo fisso di 75 centesimi sarà in vigore solo nelle farmacie che aderiscono all’accordo.

“Si tratta di una vittoria di Pirro, perché nella stragrande maggioranza di esercizi commerciali (dai supermercati, alle bancarelle fino all’e-commerce) le mascherine non avranno un prezzo calmierato e potranno essere vendute a qualsiasi cifra – afferma il presidente Luigi Gabriele – Il Governo deve fare di più attivandosi, al pari di quanto fatto con le mascherine chirurgiche, per fissare un tetto massimo alle Ffp2 che valga per tutti i canali di vendita. In caso contrario le speculazioni a danno dei consumatori proseguiranno fuori dalle farmacie, considerato che gli altri esercizi non sono tenuti a rispettare alcun prezzo calmierato, e che i cittadini hanno l’obbligo di utilizzare le mascherine Ffp2 nei mezzi di trasporto pubblico e in luoghi come teatri, cinema e stadi” – conclude Gabriele.

Altri articoli interessanti