Carte di credito: il mercato europeo è dominato da operatori americani. Per noi è uno svantaggio

“Il mercato europeo dei pagamenti digitali è molto concentrato. Due intermediari statunitensi gestiscono due terzi dei pagamenti con carte; un altro operatore, anch’esso proveniente dagli Stati Uniti, domina i pagamenti online”, ha spiegato Fabio Panetta, Membro del Comitato esecutivo della BCE, nella sua lectio magistralis, nel convegno “Presente e futuro della moneta nell’era digitale. Le opportunità per il risparmio e lo sviluppo”, che si è tenuti recentemente a Roma.

“I pagamenti digitali sembrano essere costosi per molti utenti; essi sono infatti utilizzati soprattutto da cittadini con reddito medio-alto. 

In futuro la concentrazione nel mercato dei pagamenti digitali potrebbe aumentare ulteriormente per effetto dell’espansione delle Big Tech, che hanno già mostrato una tendenza a comportamenti anti-competitivi40. Sfruttando l’elevatissimo numero di clienti, effetti di rete ed economie di scopo, questi operatori potrebbero acquisire quote di mercato molto ampie41. 

Ciò potrebbe provocare l’uscita dal mercato di intermediari tradizionali e ledere la concorrenza, determinando un aumento delle tariffe e un peggioramento della qualità dei servizi, con effetti in altri comparti quali il credito e i servizi assicurativi e lo stesso commercio42. In un tale contesto le misure anti-trust tradizionali possono risultare poco efficaci, data la lunghezza dei tempi necessari per la loro istruttoria e la rapidità con cui con cui avanza l’economia digitale”. 

Altri articoli interessanti