Disastro ambientale scongiurato a Cagliari. Cosa è successo.

Concluse le attività di bonifica e recupero dei 2 pescherecci egiziani a Cagliari – Scongiurato possibile disastro ambientale. Salvati gli equipaggi e svuotati i serbatoi da circa 20.000 litri di carburante

 Sono terminate nei giorni scorsi le complesse attività di recupero e bonifica di due motopescherecci egiziani, naufragati in prossimità dello scoglio di Sant’Elia, a Cagliari, a causa del maltempo. A condurre con successo i lavori, durati più di due settimane, gli uomini della Guardia Costiera di Cagliari, agli ordini del Direttore marittimo Capitano di Vascello Mario Valente, anche grazie alle intese con il Ministero della Transizione Ecologica, sentito il Reparto Ambientale Marino del Corpo, capitanato dall’Ammiraglio Ispettore Aurelio Caligiore.

Dopo il salvataggio degli equipaggi delle due imbarcazioni battenti bandiera Palau, avvenuto lo scorso 11 dicembre, gli uomini della Guardia Costiera hanno messo in atto tutte le procedure necessarie a prevenire ogni forma di inquinamento e dato mandato a ditte specializzate per bonifica delle possibili sostanze inquinanti presenti a bordo e il successivo recupero dei pescherecci incagliati.

Nelle giornate del 22, 23, 24 e 27 dicembre sono state avviate e concluse le delicate operazioni di bonifica antinquinamento e contestuale attività di rimessa in galleggiamento sotto il diretto controllo di un ampio dispositivo della Guardia Costiera di Cagliari che ha assicurato le indispensabili attività di monitoraggio e messa in sicurezza delle barche.

Ai pescherecci, una volta svuotati i serbatoi da circa 20.000 litri di carburante e terminate le operazioni di rimessa in galleggiamento, è stata data assistenza al fine di raggiungere l’ormeggio, in sicurezza, in testata del molo Rinascita del porto di Cagliari.

Le operazioni si sono concluse, garantendo la massima tutela dell’ambiente marino e delle coste e scongiurando così un possibile disastro ambientale.

Altri articoli interessanti