La pandemia ha cambiato le nostre abitudini sessuali. I 5 trend più evidenti.

La National Coalition for Sexual Health e del Kinsey Institute esaminano come la vita sessuale americana sia cambiata sulla scia della pandemia di COVID-19.

Per prima cosa, invece di accendere fuochi sessuali, la pandemia ha raffreddato molti di noi. Ma sembra anche aver rafforzato le relazioni e incoraggiato l’esplorazione sessuale. Del resto, per esempio in Italia, durante il primo lockdown era vietato baciarsi in macchina o all’aperto se non si era sposati, pena una multa salatissima.

Primo trend. Le persone hanno fatto meno sesso
Il sondaggio rileva che oltre la metà degli americani di età compresa tra 18 e 35 anni ha riportato difficoltà sessuali durante la pandemia, tra cui scarso interesse sessuale, pulsioni sessuali non corrispondenti con i propri partner e problemi di orgasmo. Le coppie hanno avuto meno opportunità, afferma Justin Lehmiller, PhD, ricercatore presso il Kinsey Institute che ha guidato il sondaggio e l’analisi dei dati. Con i figli in casa.. le occasioni sono meno. Le persone che avevano relazioni a distanza hanno perso opportunità di rapporti sessuali di persona, così come le persone single. Ha inciso anche  lo stress e l’incertezza causati dal COVID-19 in tutto il mondo, afferma Raegan McDonald-Mosley, MD, ginecologo e CEO di Power to Decide. Per molte persone, lo stress e l’ansia sono grandi assassini della libido e la pandemia ci ha dato molti, molti motivi per essere stressati. Milioni di persone hanno perso il lavoro, molti sono diventati insegnanti part-time oltre ai genitori casalinghi, e tutti noi abbiamo dovuto preoccuparci che noi stessi o qualcuno che amiamo si ammalasse. Quindi, anche se le persone accoppiate hanno avuto più tempo con i loro partner, non erano necessariamente dell’umore giusto per il sesso. “L’attenzione delle persone era sulla sopravvivenza, soprattutto all’inizio quando c’era così tanta incertezza sul livello di contagiosità del virus e su come proteggersi”, afferma il dott. McDonald-Mosley. Invece del piacere sessuale, molti di noi si sono concentrati sui bisogni primari.

Secondo trend. C’è stato un baby bust, non un baby boom

Con ospedali pieni di pazienti COVID-19, timori di contrarre il virus e ragioni economiche come la perdita del lavoro, non è difficile capire perché le coppie ritarderebbero intenzionalmente di avere un bambino durante la pandemia.

Terzo trend. Aumenta la comunicazione tra le coppie

I dati raccolti evidenziano che molte coppie hanno imparato a comunicare in modo più efficace durante la pandemia. Invece del previsto boom del divorzio, le persone hanno capito come far funzionare le loro relazioni. “La pandemia ha davvero messo alla prova le persone in modi che non erano stati testati prima”, afferma il dott. Lehmiller. “E ha spinto molte persone ad avere conversazioni più significative sulle loro relazioni e su ciò che vogliono”. Il sondaggio ha mostrato che il 47 percento delle persone nelle relazioni ha aumentato la comunicazione con i partner per affrontare i problemi sessuali, rispetto a solo il 15 percento dei single. Certo, c’erano ancora rotture e divorzi, ma la tendenza generale per le relazioni era sorprendentemente positiva. “Suggerisce che le nostre relazioni sono più resistenti di quanto diamo loro credito”, afferma il dott. Lehmiller.

Quarto trend. Le persone stanno esplorando giocattoli sessuali.

I dati mostrano che molte persone hanno provato i giocattoli sessuali per la prima volta durante la pandemia. “Le persone sono diventate più esplorative sessualmente in molti modi”, afferma il dott. Lehmiller. Le coppie che potevano facilmente stare insieme hanno esplorato nuove forme di piacere oltre a fare sesso in nuove posizioni o posti nuovi, mentre i single hanno provato soluzioni virtuali come il sexting e il sesso telefonico.

Quinto trend.  Gli appuntamenti online sono aumentati

Di necessità virtù, si può dire. A partire dal 2020, solo un americano su tre aveva frequentato un appuntamento online, afferma il dott. Lehmiller. Tuttavia, la pandemia probabilmente ha aggiunto benzina alla tendenza. I dati del Dr. Lehmiller rilevano che molte persone hanno provato gli appuntamenti online per la prima volta durante la pandemia. “Una delle cose che abbiamo visto nei dati del nostro Kinsey Institute è che la natura degli appuntamenti online è diversa ora rispetto a prima”, afferma. Le persone hanno conversazioni più lunghe, più significative e intime online. Prima della pandemia, molte persone usavano le app di appuntamenti come un modo per trovare qualcuno con cui uscire, inviare alcuni messaggi e incontrarsi di persona il prima possibile. Ora, le persone si stanno prendendo il tempo per conoscere davvero qualcuno online prima. In aumento anche gli appuntamenti virtuali, che li aiutano a testare le acque prima di incontrare qualcuno di persona. Un appuntamento virtuale ha il vantaggio di essere totalmente gratuito e di darti una facile fuga se ne hai bisogno. “Quindi penso che il modello per le relazioni future stia cambiando”, afferma il dott. Lehmiller. Vede un futuro in cui molte persone usano gli appuntamenti virtuali come passaggio tra la connessione online e l’incontro di persona.

Altri articoli interessanti