Basterà un esame del sangue per diagnosticare l’Alzheimer. Al via i primi studi

Un team dell’Empa e dell’Ospedale cantonale di San Gallo sta ora sviluppando un esame del sangue che consentirà una diagnosi affidabile utilizzando la microscopia a forza atomica (AFM). I ricercatori hanno recentemente pubblicato i primi risultati di uno studio pilota di successo sulla rivista Science Advances. Per il loro studio pilota, hanno esaminato campioni di sangue di 50 pazienti e 16 soggetti sani. Utilizzando la tecnologia AFM, il ricercatore Empa ha analizzato la superficie di circa 1000 globuli rossi a persona senza sapere nulla del loro stato di salute.

In caso di gravi alterazioni neurodegenerative, i globuli rossi possono essere ricoperti da grandi quantità di aggregati proteici. Nirmalraj si è quindi proposto non solo di rilevare la semplice presenza delle proteine ​​sospette, ma anche di determinarne la forma variabile, nonché la loro quantità.

I metodi attuali consentono la determinazione della quantità totale di entrambe le proteine ​​nei fluidi corporei. Tuttavia, queste tecniche non consentono la visualizzazione delle differenze nella forma e nella condizione degli accumuli proteici. Il ricercatore sta quindi lavorando a tecnologie che consentono osservazioni su scala nanometrica nel sangue e tuttavia non distruggono la struttura e la morfologia delle proteine.

 

Altri articoli interessanti