Le api ci insegnano il distanziamento sociale. Lo attuano se sono minacciate da parassiti

Le api bottinatrici si tengono lontane dal centro della colonia quando sono infestate da acari. Non siamo gli unici a tenere alla larga i nostri coetanei quando la nostra salute potrebbe essere a rischio: la ricerca suggerisce che anche le api lo facciano.

Gli scienziati hanno scoperto che quando un alveare di api è minacciato dall’acaro Varroa destructor, un parassita legato al crollo delle colonie di api, le api rispondono cambiando il modo in cui interagiscono tra loro.

Il fenomeno è stato osservato  per la prima volta negli alveari in Sardegna. Scrivendo sulla rivista Science Advances, dottor Alessandro Cini. , coautore della ricerca presso l’University College di Londra e colleghi, hanno confrontato il comportamento delle api negli alveari che erano naturalmente infettati dagli acari, con quelli negli alveari che erano stati trattati per sbarazzarsi di i parassiti.

Esaminando i video registrati all’interno degli alveari, il team ha scoperto che quando l’alveare è infestato da acari, le api bottinatrici – che tendono ad essere i membri più anziani della colonia – eseguivano danze importanti per indicare la direzione delle fonti di cibo, come la danza del dondolare, lontano dal centro della colonia dove si trovano le giovani api, la regina e le celle di covata.

Ciò, ha affermato Cini, può aiutare a mantenere l’infezione a un livello controllabile, limitando la quantità di danni. “I raccoglitori sono una delle principali vie di ingresso per gli acari”, ha affermato Cini. “Quindi più stanno lontani dalla covata e dai giovani individui, meglio è in termini di prevenzione della diffusione degli acari all’interno della colonia”.

Il team ha anche riscontrato cambiamenti nel luogo in cui le api si puliscono a vicenda: nelle colonie non infette questo tende a concentrarsi tra i giovani nella parte centrale dell’alveare, ma i ricercatori hanno scoperto che questo era ancora più vero quando erano presenti gli acari. “Probabilmente stanno concentrando i loro pensieri [sforzi] verso la parte più importante della colonia, lasciando la cura dei raccoglitori”, ha detto Cini.

Altri articoli interessanti