Boom di partenze per la scuola all’estero dopo la Dad per la pandemia

Il sogno americano e la voglia di futuro vincono sul Covid-19 e non fermano i tanti ragazzi (e le loro famiglie) che scelgono di studiare all’estero, consapevoli dell’importanza sempre maggiore di una formazione internazionale.

È emblematico l’aumento di richieste registrato da YouAbroad, da oltre 10 anni punto di riferimento per i tanti ragazzi (dai 14 ai 18 anni) che scelgono di studiare in una scuola superiore estera per un trimestre, un quadrimestre, un semestre oppure un intero anno.

Gli studenti lombardi che in queste settimane stanno iniziando la scuola fuori dall’Italia con l’organizzazione sono quasi 8 volte di più di quelli del 2020, un incremento che sarebbe stato ancora più alto se l’organizzazione non fosse stata costretta a cancellare alcune partenze a causa delle ripercussioni che la pandemia sta ancora avendo su alcuni Stati.

Tutto esaurito anche per le partenze invernali del secondo semestre, periodo per il quale le iscrizioni sono state chiuse con due mesi di anticipo rispetto agli scorsi anni. Si conferma quindi il trend in crescita del 200% per le partenze tra gennaio e febbraio.

Già aperte invece le iscrizioni per il 2022 per le quali YouAbroad sta organizzando una serie di InfoDay a Milano presso l’Hotel Palazzo delle Stelline, le date da segnare in agenda sono: il 14 ottobre e il 18 novembre alle ore 19,30 e il 23 ottobre alle 18. A Brescia invece ci si incontra il 18 novembre alle 19:30 presso l’Hotel Igea.

Le mete preferite restano Stati Uniti e Canada, con rispettivamente il 58% e il 35% delle preferenze, calano invece le partenze per i Paesi Europei, mentre resta stabile il Sudafrica. Differenze probabilmente attribuibili alla maggior attenzione degli Stati oltreoceano rispetto al tema della didattica in presenza.

L’81% degli studenti che sceglie questo percorso proviene da un Liceo (Scientifico 40%, Linguistico 21%, Classico 17%).

Patrizia Groppo, Managing Director di YouAbroad, spiega: “L’anno all’estero sta ormai diventando un’esperienza imprescindibile per poter accedere alle più prestigiose Università con percorsi internazionali fuori Italia e, sempre di più, anche nel nostro Paese.Nonostante la situazione internazionale attuale e le incertezze determinate dalla pandemia sono, quindi, sempre più numerose le famiglie che si rivolgono a noi per il periodo di studio all’estero dei propri figli, riconoscendo il valore inestimabile di questa esperienza, soprattutto in termini di crescita personale e accademica. La possibilità di studiare in una High School all’estero, di apprendere una nuova lingua, di crearsi un network internazionale destinato a durare per sempre, nonché lo sviluppo di competenze trasversali indispensabili per il futuro accademico e professionale, in Italia e nel mondo, sono solo alcune delle motivazioni che, anche in tempo di Covid, spingono le famiglie ad investire sul futuro dei propri figli.

La testimonianza di Marina, mamma di Marco Susanna, 16 anni di Inzago (MI): “Dopo 6 anni dal mio primo figlio che ha fatto la stessa esperienza ora parte anche Marco, destinazione Florida, USA. 10 mesi lontano sono tanti, soprattutto in un periodo di incertezza come questo. In questo momento sono la classica mamma italiana, ma so che l’ansia che mi aggroviglia lo stomaco sparirà perché questa esperienza è il meglio che io possa offrire a mio figlio in questo momento. Allargare i propri orizzonti, crescere e cercare di conoscere il più possibile una cultura diversa è una scuola di vita”.

Altri articoli interessanti