Cosa succederebbe se la corrente atlantica del Golfo si estinguesse

Se la corrente chiamata AMOC dovesse crollare, potrebbe avere gravi conseguenze per il clima europeo, secondo l’autore dello studio Niklas Boers. Ecco di cosa si tratta:

  • La corrente di ribaltamento atlantica, che include la Corrente del Golfo, potrebbe aver perso la sua stabilità nel secolo scorso.
  • La corrente trasporta acqua calda da sud e acqua fredda da nord, che è di grande importanza per le temperature relativamente miti in Europa.
  • Influenza anche i sistemi meteorologici di tutto il mondo.
  • Un possibile collasso di questo sistema di correnti oceaniche potrebbe quindi avere gravi conseguenze.

Un’importante corrente atlantica, alla quale appartiene anche la Corrente del Golfo, si sta forse avvicinando a una soglia critica. La corrente di ribaltamento atlantica (AMOC), che è responsabile dello scambio di masse di acqua calda e fredda nell’oceano e quindi influenza anche il clima in Europa, potrebbe aver perso la sua stabilità. Così scrive Niklas Boers del Potsdam Institute for Climate Impact Research (PIK) sulla rivista specializzata”Cambiamento climatico della natura”.La corrente di ribaltamento atlantica è un complesso sistema di correnti che trasporta acqua calda dai tropici alla superficie dell’oceano verso nord e acqua fredda a maggiori profondità verso sud. In Europa occidentale, questo ciclo garantisce temperature relativamente miti e colpisce anche altre regioni globali del mondo. Un crollo di questo importante sistema avrebbe gravi conseguenze per il clima globale e soprattutto europeo. Per l’Europa ciò significherebbe “temperature significativamente più fredde” e “modelli meteorologici (estremi) modificati” per l’intero emisfero settentrionale, hanno affermato i boeri su richiesta di 20 Minuten. Secondo il fisico, tuttavia, i fattori più decisivi potrebbero essere i cambiamenti nei sistemi monsonici tropicali in Sud America, Africa occidentale e India. “In particolare nell’Africa occidentale, potrebbero esserci massicci aumenti della stagione secca e della siccità”. Secondo i boeri, la corrente è attualmente debole come non lo è mai stata negli ultimi 100 anni. Tuttavia, non è chiaro se si tratti solo di un cambiamento nello stato di circolazione media o di una reale perdita di stabilità dinamica – e questa differenza è decisiva, spiega Boers in unoAnnuncio PIK. Una diminuzione della stabilità significherebbe che la corrente atlantica si è avvicinata alla soglia critica oltre la quale il sistema di circolazione potrebbe collassare. “In particolare nell’Africa occidentale, potrebbero esserci massicci aumenti della stagione secca e della siccità”. Per fare luce su questo, i boeri hanno osservato le cosiddette impronte digitali nei modelli di temperatura e salinità sulla superficie dell’Atlantico. “Un’analisi dettagliata di queste impronte digitali in otto indici indipendenti ora suggerisce che l’indebolimento dell’AMOC durante l’ultimo secolo è probabilmente associato a una perdita di stabilità”. Oltre agli effetti diretti del riscaldamento atlantico, i fattori che influenzano la corrente includono l’afflusso di acqua dolce dallo scioglimento dei ghiacci, l’aumento delle precipitazioni e l’acqua dai fiumi. Non si aspettava che queste quantità di acqua dolce avrebbero causato una tale reazione, ha detto Boers. I fattori devono ancora essere esaminati più in dettaglio – è già chiaro, tuttavia, che sono legati al cambiamento climatico causato dall’uomo. Quando esattamente la corrente si indebolirà è molto difficile da stimare, ha spiegato Boers all’agenzia di stampa tedesca. “Prima di tutto, dipende da quanta CO2 viene rilasciata e da quanto le temperature aumentano di conseguenza”. Inoltre, ci sono incertezze su quanto sarà più caldo nell’Artico e quanto aumenterà il flusso di acqua dolce nell’Atlantico a causa dell’aumento della temperatura. Il punto chiave dello studio è “che vediamo – prima e più chiaramente del previsto – chiari segni di una perdita di stabilità”, ha sottolineato Boers. “Ciò significa che il sistema si sta avvicinando alla soglia critica e ogni grammo di CO2 che viene ancora rilasciato aumenta la probabilità che l’AMOC alla fine raggiunga il valore critico. Quindi ogni grammo di CO2 risparmiato conta davvero”. Se il punto critico viene superato, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, l’AMOC si fermerà in gran parte entro pochi decenni.

Altri articoli interessanti