Le maglie della Roma della partita di oggi contro il Sassuolo in asta per aiutare i popolo afgani

Le maglie indossate dai calciatori nel corso della partita saranno messe all’asta e il ricavato sarà destinato alle operazioni di assistenza umanitaria di UNHCR in favore della popolazione afghana.

L’UNHCR ha ricevuto ripetutamente il sostegno del club giallorosso alle sue operazioni umanitarie. Un contributo prezioso che, in questi anni, si è concretizzato in donazioni, campagne di sensibilizzazione ed iniziative di solidarietà in favore di chi è costretto a fuggire da guerre e persecuzioni.

L’iniziativa promossa dall’AS Roma per aiutare la popolazione afghana in fuga dalla violenza puo’ essere sostenuta a questo link: https://bit.ly/ASRomaperlAfghanistan

L’AS Roma sostiene l’Agenzia ONU per i Rifugiati (UNHCR) per l’emergenza umanitaria in corso in Afghanistan. In occasione del 70° anniversario della Convenzione di Ginevra, la squadra giallorossa indosserà infatti una maglia speciale, recante il simbolo dell’UNHCR, per la partita Roma-Sassuolo di domenica 12 settembre.

In Afghanistan si sta consumando un’ennesima grave crisi umanitaria. Dall’inizio dell’anno, 600 mila persone hanno lasciato la propria casa per fuggire dalla violenza. In tutto sono 3,6 milioni gli sfollati interni che hanno bisogno di assistenza. Di questi, circa l’80% sono donne e bambini che stanno pagando il prezzo più alto di questa emergenza.

“Siamo lieti del sostegno che l’AS Roma e la sua fondazione Roma Cares hanno voluto concedere, tramite la nostra Agenzia, alla popolazione afghana – dichiara Chiara Cardoletti, Rappresentante UNHCR per l’Italia, la Santa Sede e San Marino. Nonostante le condizioni molto difficili, l’UNHCR ha scelto di restare in Afghanistan, un Paese dove operiamo da oltre 40 anni, per portare aiuti che salvano la vita. Nel corso di quest’anno abbiamo fornito beni essenziali per la sopravvivenza a oltre 332 mila persone, ma i bisogni aumentano di ora in ora e i fondi disponibili sono largamente insufficienti: anche un piccolo contributo in questo momento può fare la differenza”.

Altri articoli interessanti