Tamponi in Lombardia: oltre tremila al giorno da Cerba HealthCare, anche per i privati

Anche il settore privato è sotto pressione per la grande crescita di richieste tamponi Covid-19. A novembre Cerba HealthCare Italia, azienda del gruppo internazionale Cerba Healthcare, porterà la propria capacità produttiva a superare i 3.000 tamponi al giorno complessivamente nei 15 centri attivi con questo servizio in Lombardia, di cui 4 a Milano. «A marzo, quando ci siamo messi a disposizione delle autorità sanitarie per eseguire i tamponi su richiesta delle ATS – commenta il CEO di Cerba HealthCare Italia Stefano Massaro – venivano processati in media 120 campioni al giorno, a maggio erano 400, a settembre 700. Nel frattempo abbiamo aperto il nostro servizio anche ai privati. Da novembre, con l’arrivo di una seconda stazione automatizzata per le analisi, prevediamo di superare i tremila tamponi giornalieri eseguiti nei nostri centri, di cui un migliaio analizzati rapidamente nei laboratori italiani e duemila inviati, grazie a un importante sforzo logistico, nel laboratorio di Cerba HealthCare a Saint Ouen l’Aumône presso Parigi, dove il nostro gruppo internazionale esegue fino a 30mila analisi al giorno. Fondamentale non solo la quantità, ma anche la rapidità nel testare e refertare per tenere sotto controllo i contagi. Per questo il nostro sforzo è stato concentrato anche a garantire tempi di prenotazione di 1-2 giorni e risultati in un tempo medio di 48 ore, massimo 72. Inoltre stiamo attuando metodi che ci consentiranno a breve di gestire anche le urgenze, cioè la refertazione entro le 24 ore».

Fin dall’inizio dell’emergenza Cerba HealthCare ha investito ingenti risorse per aumentare il numero di tamponi e garantire rapidità nella prenotazione e negli esiti, anche in previsione della seconda ondata di contagi che stiamo effettivamente vivendo. «Dall’inizio di settembre – spiega sempre Stefano Massaro – con la riapertura di molti uffici, sono aumentati i tamponi eseguiti in ambito aziendale. In crescita anche i privati che li richiedono in previsione di spostamenti, per esempio prima di un viaggio aereo».

Il Dpcm 13 ottobre, che ha eliminato la necessità del doppio tampone negativo per essere dichiarati guariti, secondo il CEO di Cerba HealthCare Italia contribuirà ad alleggerire il lavoro dei laboratori. «Anche l’interruzione dei tamponi a 21 giorni nei casi di positività prolungata aiuterà a concentrare meglio gli sforzi del settore sanitario, e così l’utilizzo dei test rapidi».

Ciò che in questo momento è necessario, sottolinea Stefano Massaro, è affrontare la situazione con la massima razionalità: «Come ha ricordato di recente Catherine Courboillet, presidente del nostro gruppo internazionale, il nostro è un servizio fondamentale e da marzo ci siamo impegnati al massimo, con enormi investimenti e coordinazione fra le nostre sedi europee, per essere un supporto alle istituzioni e ai cittadini. La situazione va affrontata con realismo, seguendo criteri chiari per l’esecuzione dei test e la gestione delle priorità, e migliorando il contact tracing, che permette di agire dove serve veramente».

I centri Cerba HealthCare dove è possibile effettuare test sierologici e tamponi Covid-19 si trovano ad Abbiategrasso, Busto Arsizio, Cesano Boscone, Cologno Monzese, Melegnano, Nova Milanese, Opera, Rozzano, San Giuliano Milanese, Solbiate Olona e Sondrio. A Milano i centri si trovano in via Brocchi, via Brunacci, via Frassinetti e viale Bianca Maria.

I test sierologici si effettuano ad accesso diretto, senza prenotazione, presso i centri prelievo in orario di prelievo. I tamponi (e i pacchetti test sierologico + tampone) solo su appuntamento.

Per informazioni e prenotazioni online: www.cerbahealthcare.it

Altri articoli interessanti