Cena con delitto a La Tela. Venerdì 16 ottobre il giallo è servito all’osteria sociale di Rescaldina

È una cena con delitto quella che viene servita venerdì 16 ottobre all’osteria sociale La Tela di Rescaldina. Le sale dell’immobile sottratto alla criminalità organizzata si aprono al teatro con la compagnia Gli Autodidattili di Cerro Maggiore che metterà in scena il più classico dei gialli ambientato nella Milano bene degli anni Cinquanta. Otto i sospettati della morte del direttore di un ristorante: una moglie indifferente, una figlia svampita, un genero teppista, una bisnonna narcolettica, un dottore indeciso, una cameriera bugiarda, una suocera appariscente e una vicina di casa invadente. E tra gli otto indiziati di omicidio sarà compito dei commensali trovare il vero colpevole.
In tavola, lo chef de La Tela prepara un menù speciale, con i grandi classici della cucina italiana: apertura con una selezione di formaggi e salumi, cavatelli all’Amatriciana come primo, quindi uno spezzatino di manzo con l’immancabile polenta. Per chiudere in bellezza, il tiramisù. A richiesta viene proposta anche un’alternativa vegetariana (costo 30 euro compreso di acqua, vino e caffè).
Inizio alle 20, prenotazione obbligatoria.

Gli Autodidattili è una compagnia teatrale amatoriale composta da otto persone con esperienze pluriennali nel teatro (corsi e spettacoli). Nata nell’autunno del 2014  ha esordito con le commedie inedite “Effetto Domino” e “La guerra delle braghe”, andate in scena nel corso della rassegna Cerro Estate, cimentandosi anche nella commedia dialettale con “Lassa che la vaga..” rappresentata durante la rassegna Anita Bollati 2017 e ridefinendo i confini tra teatro e ballo con il toccante spettacolo “610”, andato in scena anche durante la rassegna Traiettorie sonore 2016. Nel 2018 ha divertito bambini e genitori con la favola “La moglie dell’imperatore”, rappresentata anche durante la rassegna Cerro Estate. Ha partecipato alle Traiettorie sonore in collaborazione con la scuola di danza La Fenice con lo spettacolare e poetico “Nebulae Fulgentes”. Con “Pene d’amor perdute.. e ritrovate”, un originale riadattamento della più nota commedia shakespeariana, arricchita dalla sfilata di abiti dell’associazione Coccole di Filo, ha chiuso la rassegna Anita Bollati 2019. A inizio 2020, è stata protagonista della Befana dei vigili, sponsorizzata dal centro socioculturale Il Quadrifoglio, con uno spettacolo per tutta la famiglia sulla “vera storia della befana”. L’ultima messa in scena è “La favola di Orfeo”, una rivisitazione poetica del mito classico.

La Tela è un bene sequestrato alla criminalità organizzata, affidato al Comune di Rescaldina e gestito in ATI dalle cooperative La Tela e Meta insieme con altre associazioni del territorio. È ristorante e centro di aggregazione e di promozione sociale e culturale.

Info: Osteria sociale del buon essere “La Tela” Strada Saronnese, 31 Rescaldina (MI)
Tel: 0331.297604
www.osterialatela.it
Facebook:  https://www.facebook.com/osterialatela/

Altri articoli interessanti